Innovazione e Prodotti

Al test la turbina minieolica di Renzo Piano sviluppata con Enel Green Power

Mila Fiordalisi

È entrata in fase di test presso il campo prova di Molinetto di Pisa la Libellula di Renzo Piano, ossia la turbina minieolica sviluppata in collaborazione con Enel Green Power, la costola di Enel dedicata alle rinnovabili. Secondo le stime annunciate un anno fa da Enerl Green Power, Libellula avrà un costo orientativo di 150mila euro.

È entrata in fase di test presso il campo prova di Molinetto di Pisa la Libellula di Renzo Piano, ossia la turbina minieolica sviluppata in collaborazione con Enel Green Power, la costola di Enel dedicata alle rinnovabili.

Il prototipo oggetto della sperimentazione, che sta dimostrando di funzionare anche con venti a bassa intensità, ha già prodotto circa 1.200 Kwh, immessi nella rete di distribuzione; le prove andranno avanti per alcuni mesi, sottolinea la società senza però precisare la roadmap, dopodiché scatterà la fase di produzione in serie in vista della commercializzazione. Sottilissima e dotata di due sole pale (al posto delle tradizionali tre che caratterizzano gli impianti eolici), l'aerogeneratore progettato da Piano - alla cui realizzazione hanno collaborato lo società Favero & Milan di Venezia per la progettazione esecutiva e l'azienda Metalsistem di Rovereto (Tn) – è totalmente «mimetico».

Ecco le fotografie, gli schizzi e i rendering

La forma allungata lo rendono quasi «invisibile» nel paesaggio, in particolare in totale assenza di vento, quando l'impianto si «riduce» a una sottile linea verticale da 20 metri di altezza e un diametro di appena 35 cm - in funzionamento le due pale, che simulano nella forma le ali di una libellula, non superano i 16 metri quando allineate a bandiera.

L'impianto minieolico, dalla potenza di circa 55 kw, «reagisce» bene anche ai venti di bassa intensità (fino a due metri al secondo, una misura impercettibile da parte delle pale tradizionali) grazie all'uso di materiali ultraleggeri come le fibre di carbonio e il policarbonato. Tre i generatori di energia elettrica, di cui due (quelli principali) allineati lungo l'asse della navicella e collegati sia meccanicamente sia elettricamente in serie, e il terzo di minore dimensione, collocato nel mozzo del rotore di coda.

Secondo le stime annunciate un anno fa da Enerl Green Power, Libellula avrà un costo orientativo di 150mila euro. L'energy company punta su aziende agricole e agriturismo ma anche porti turistici e piccoli insediamenti industriali e commerciali localizzati in Italia ma anche oltreconfine nei Paesi dell'area del Mediterraneo (Spagna e Grecia in pole position) e oltreoceano in America Latina e Stati Uniti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA