Innovazione e Prodotti

Cesena, nel 2012 record di bonifiche dall'amianto nelle costruzioni

Alessandro Lerbini

Il 2012 sarà ricordato come l'anno record per le bonifiche da amianto nel Cesenate. A fronte di 814 piani/notifiche per lo smaltimento di materiale contenente amianto (+45% rispetto al 2011), nel 2012 sono state smaltite oltre 4.136 tonnellate di materiale, di cui 1.448 per edifici crollati o danneggiati in seguito alle nevicate. Un anno straordinario di bonifiche, dove in 12 mesi sono stati rimossi e allontanati quantitativi di materiale che di solito vengono bonificati in 2-3 anni.

Questa la fotografia del Rapporto amianto 2012, redatto dal Servizio prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro (Spsal), in collaborazione con le unità operative Sanità animale e Igiene e sanità pubblica.

«Degli 814 interventi di rimozione di amianto di cui abbiamo seguito le procedure – sottolinea Luca Scarpellini, dirigente addetto alla sicurezza e curatore del Rapporto amianto – tre erano relativi a rimozione di amianto in matrice friabile, quello più pericoloso e da rimuovere con massima priorità. Altre sette pratiche hanno invece riguardato la manutenzione di tubazioni idriche con parti in cemento amianto di competenza di Hera, del Consorzio di bonifica e della Società delle Fonti-Romagna Acque. I restanti 804 piani si riferivano a operazioni di rimozione di amianto in matrice compatta e quindi di minor pericolosità. Tra questi principalmente l'eternit usato nei componenti dell'edilizia: lastre di copertura, pannelli per tamponamento, canne fumarie ma anche parapetti di balconi, piccoli serbatoi e tubazioni».


© RIPRODUZIONE RISERVATA