Innovazione e Prodotti

Pareti anti inquinamento e biomateriali innovativi: a Klimahouse in passerella le soluzioni hi-tech per l'edilizia

Mila Fiordalisi

Contro la crisi i produttori puntano sempre più su tecnologia e risparmio energetico: ecco la rassegna dei prodotti appena presentati alla manifestazione di Bolzano

Biocompositi a base di mix «inediti». Mattoni in grado di garantire livelli di trasmittanza termica superiori a quelli imposti dalla norma. Pannelli ultrasottili ed extralight per isolare le pareti e guadagnare spazio calpestabile.
Nonostante la crisi, sono numerosi i produttori di materiali e soluzioni per l'edilizia che spingono l'acceleratore sull'innovazione per conquistarsi nuovi spazi di mercato, in Italia e all'estero, e tornare a crescere. Alcune delle soluzioni più all'avanguardia hanno sfilato al Klimahouse 2013, la fiera-congresso internazionale organizzata dall'Agenzia CasaClima, andata in scena a Bolzano dal 24 al 27 gennaio scorso.

Ha partecipato per la prima volta all'evento la bio-company Equilibrium, che ha puntato sulle soluzioni costruttive in natural beton, biocomposito in canapa e calce per costruire ex novo o ristrutturare abitazioni aumentandone le prestazioni energetiche. Il mix calce-canapa garantisce, infatti, isolamento termo-acustico, salubrità e permeabilità al vapore.
Wienerberger punta sul nuovo Porotherm Bio Plan 42,5 T-0,09, blocco in laterizio che garantisce, su parete semplicemente intonacata, una trasmittanza U pari a 0,20 W/m²K, in linea con i parametri della normativa 31/2010/Ue per edifici a energia quasi zero (Nzeb), che da gennaio 2020 diventeranno il nuovo standard di progettazione continentale.
Il risultato è stato possibile grazie alla combinazione della tecnologia rettificata con quella dei setti sottili. Il processo di rettifica permette di realizzare giunti di malta di appena 1 mm e i setti sottili consentono di aumentare le file dei fori e la percentuale di foratura.
Ideale per le strutture che necessitano del massimo livello di coibentazione nel minor spazio possibile è il pannello Aeropan di Aktarus. La soluzione, da appena 10 mm di spessore e una conducibilità termica pari a 0,013 W/m²K, è a base di Aerogel e una membrana traspirante in polipropilene armato con fibra di vetro.
Pontarolo Engineering ha svelato in anteprima nazionale la versione Dalmapor del pannello isolante Spyrogrip, per coibentare e realizzare cappotti con complanarità automatica e senza tasselli. Dalmapor si contraddistingue per la nuova composizione in Eps, un mix di perle grigio chiaro e grigio scuro, che migliora le prestazioni termiche e permette la posa del cappotto anche in condizioni di esposizione solare diretta, evitandone il futuro deterioramento delle facciate.
In gessofibra le lastre Fermacell, da utilizzare per pareti e contropareti in alternativa ai sistemi tradizionali in laterizio. In particolare, le lastre Greenline, additivate con cheratina (lana di pecora), sono in grado di neutralizzare e fissare nel tempo gli inquinanti contenuti nell'aria. Disponibile anche una versione, da 10 e 12,5 mm, per realizzare sottofondi a secco. Per abitazioni a basso consumo energetico, antisismiche, silenziose ed ecologiche ci sono le soluzioni Isotex che permettono di realizzare casseri e solai in legno cemento. Il blocco cassero e i relativi pezzi speciali assicurano in particolare l'eliminazione dei ponti termici. Geoplast ha presentato la fondazione ventilata, per realizzare un vespaio areato ossia abbattere l'umidità di risalita ed evacuare il gas Radon grazie alla ventilazione naturale, mantenendo i valori di trasmittanza termica entro i limiti normativi.

Tre le novità in casa Edilteco: Politerm Wall Fix, inerte ad alto valore termoisolante per insufflaggio a secco in intercapedine; Isolcap Light, la linea di sottofondi premiscelati a elevato valore di isolamento termico e bassissima densità; Ecap Stif, il sistema per isolamento termico a cappotto in lastre Stiferite prefinite.
Alla Fiera di Bolzano sono state presentate innovative soluzioni anche sul fronte serramenti fra cui Scurotherm, un sistema di scuri in alluminio a taglio termico che garantiscono anche la schermatura termica solare e le pellicole antisolari Serisolar da applicare sui vetri per abbattere il calore da irraggiamento solare e l'effetto abbaglio, producendo un risparmio dal 30 al 50% sui costi per l'impianto di raffrescamento.
Termoisolante la tenda oscurante Presystem Black-in di Alpac, che combina in un unico sistema l'elemento oscurante con tenda a rullo e zanzariera.
L'isolamento del foro finestra si completa sui quattro lati grazie alle spalle laterali isolate e al sottobancale. Il cassonetto, inoltre, è dotato di una speciale barriera acustica per incrementare il livello di isolamento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA