Innovazione e Prodotti

Da Squinzi sostegno ai prefabbricatori italiani

Il 18 gennaio Assobeton, l'Associazione Nazionale Industrie Manufatti Cementizi aderente a Confindustria, si è riunita in Giunta a Bologna per discutere della grave situazione in cui si trova il comparto. Ospite d'eccezione Giorgio Squinzi, Presidente di Confindustria. Nel corso dell'incontro l'associazione ha sottolineato come il settore delle costruzioni stia subendo da ormai troppo tempo gli effetti «devastanti» della crisi economica e dell'assenza di ascolto da parte delle Istituzioni. Il comparto dell'edilizia industrializzata in calcestruzzo, che Assobeton rappresenta, ha perso in 4 anni circa il 60% del valore di mercato e molte aziende sono già state costrette a chiudere.
«Ad ogni Giunta – ha detto il Presidente di Assobeton, Renzo Bullo – porto all'attenzione dei colleghi notizie di chiusura per crisi o fallimento di 5-10 aziende per volta; un segno tangibile che la crisi è tutt'altro che alle spalle e che col passare del tempo riuscire a stare sul mercato per i nostri imprenditori è sempre più difficile».
Per Assobeton la presenza di Squinzi alla Giunta dimostra «la vicinanza e l'attenzione di Confindustria verso le reali problematiche del comparto che chiede a gran voce l'attuazione da parte del futuro Governo di «provvedimenti urgenti» per stimolare la crescita e riattivare gli investimenti nel settore delle costruzioni.
Inoltre, come già dichiarato in diverse occasioni, l'edilizia industrializzata in calcestruzzo patisce il ritardo dei pagamenti della Pubblica Amministrazione, il problema del credito pregresso e l'iniqua applicazione di tasse quali l'Imu e la ex Tarsu. I Prefabbricatori chiedono anche misure per una burocrazia più snella e tempi più celeri per la giustizia.
«Dobbiamo uscire dalle secche dell'attuale situazione economica - ha detto Squinzi - e invertire la rotta, rimettendo velocemente in moto il Paese. Per questo abbiamo messo a punto un documento di proposte indirizzate alle forze politiche in vista della prossima legislatura – continua il presidente di Confindustria - crescita e lavoro sono i nostri obiettivi: è di massima urgenza raggiungere un aumento stabile del Pil di almeno il 2% annuo, tagliare il debito pubblico dall'attuale 124% al 100%. E riportare, nell'economia del Paese, il peso del settore manifatturiero al 20% del Pil (ad oggi si attesta al 16,3), nei cinque anni di legislatura, prima del 2020 fissato dall'Europa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA