Innovazione e Prodotti

Legno e vetro per isolare, l'energia e la luce arrivano dal sole

Mila Fiordalisi

Il progetto è firmato da Ugo Sasso in collaborazione con Witti Mitterer e Francesco Marinelli. L'edificio di 500 mq, che sorge in un ex area industriale del quartiere Pigneto a Roma e ospita la Fondazione per la bioarchitettura, è energeticamente autonomo grazie a un impianto fotovoltaico da 15 kW

«La Casa del Pigneto è stata costruita in modo tale da risparmiare 11mila kg all'anno di CO2» spiega l'architetto Witti Mitterer, fra i fondatori della nuova Fondazione nonché membro Inbar e direttore del master universitario «CasaClima-Bioarchitettura» presso l'università Lumsa di Roma.

Due i materiali protagonisti dell'opera: legno e vetro, il primo utilizzato per massimizzare l'isolamento e il secondo per potenziare l'effetto dell'irraggiamento solare a servizio dell'illuminazione e del riscaldamento naturali. In dettaglio si è optato per pareti vetrate in sostituzione del tamponamento perimetrale a sud. «La serra captante consente accumulo termico nei periodi freddi – spiega l'architetto – mentre i raggi estivi vengono filtrati da una schermatura zenitale, un pergolato a foglia caduca. La trasparenza inoltre determina una compenetrazione percettiva con l'ambiente circostante ma anche, dall'esterno, la partecipazione emotiva alla vitalità interna».

Una sovrastruttura autonoma a capriate lignee interseca l'asse nord-sud del tetto in parte a verde e calpestabile, segnando ed evidenziando gli accessi. «Il nuovo asse baricentrico, senza essere deformante e invasivo articola l'immagine monolitica del capannone inventando diverse fruibilità» spiega ancora l'architetto Mitterer. Le capriate sovrapposte sul versante sud sono caratterizzate dalla presenza di un impianto fotovoltaico – su parte della copertura – che rende energeticamente autonomo il complesso. Attualmente l'impianto è da 15 kW ma è in programma un potenziamento per estendere la capacità di produzione energetica e abbattere ulteriormente la bolletta elettrica dell'edificio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA