Innovazione e Prodotti

Primo trimestre 2012 negativo per i pannelli a base legno


Primo trimestre 2012 in sofferenza per il settore dei pannelli a base legno. Questo il messaggio emerso all'ultima assemblea annuale della European Panel Federation (EPF), il più importante evento europeo dedicato al mondo dei pannelli a base legno, prodotti strettamente legati al settore dell'arredo e delle costruzioni, in cui è stato fatto il punto su un settore di primaria importanza alla luce della non facile situazione del mercato.
In occasione dell'Assemblea è stato tracciato l'andamento del mercato dove è stato osservato che, la produzione di truciolari è diminuita del 7% (totale 5,4 milioni di metri cubi), quella dei pannelli Mdf (Medium density fibreboard) è rimasta sostanzialmente invariata (+0%, 2,4 milioni di mc), mentre quella dell'Osb (Oriented strand board) ha fatto registrare un forte calo: -14% (550.000 mc).
«Questi dati – ha sottolineato il presidente di Assopannelli Paolo Fantoni – da una parte sottolineano chiaramente il rallentamento dell'edilizia, ma dall'altra offrono la necessità di scindere il buon andamento dell'Europa centrorientale da quello dell'Europa sudoccidentale e periferica che, in questo momento, segna un ulteriore ribasso del 10%».
L'incontro è stato anche l'occasione per fare il punto sulla situazione del mercato italiano in cui è stato evidenziato un ribasso dimostrato dai dati dell'import del primo trimestre di quest'anno. I pannelli Mdf hanno raggiunto i 129.274 mc pari a un rallentamento del 2,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno con Germania (20.119 mc) e Austria (18.326 mc) primi Paesi fornitori. Per quanto riguarda le esportazioni si rileva invece una crescita del 59,7% grazie all'ottimo risultato della Turchia (41.410 mc, +485,6%).
Segno positivo anche per le importazioni di truciolare che hanno raggiunto i 163.001 mc pari a un incremento del 28,8%. Romania e Repubblica Ceca guidano la classifica dei fornitori con 45.028 mc (+49,3%) e 34.561 mc (+52,8%). Buono anche l'andamento dell'export con vendite pari a 49.863 mc (+14,1%). In diminuzione invece le importazioni dei compensati di conifera: 56.387 mc (-10,2%) con Brasile (29.874 mc, -0,4%) e Cile (10.195 mc, -16,5%) primi fornitori. In calo anche le esportazioni: 8.389 mc, -22,8%.
Buoni risultati, infine, per l'import di compensati di altre specie: 49.759 mc (+12%) con una forte crescita di Russia (16.962 mc, +892,6%) e Gabon (6.286 mc, +11.366,74%); le esportazioni hanno fatto registrare un incremento grazie a vendite per 41.389 mc (+8,1%).


© RIPRODUZIONE RISERVATA