Innovazione e Prodotti

Premiati gli edifici modello (nuovi o ristrutturati) che tagliano la bolletta energetica

Mila Fiordalisi

Premiati i sei comuni vincitori della terza edizione del premio «Premio Sostenibilità Ambientale e Sociale per il Comune - Efficienza energetica e innovazione nell'edilizia» organizzato da Ancitel Energia & Ambiente e Saint-Gobain Italia

">
  • 2/10
  • ">
  • 3/10
  • ">
  • 7/10
  • ">
  • 9/10
  • ">
  • 10/10
  • ">

    Carbonia (Ci), Verona, Basiglio (Mi), Felino (Pr), Portogruaro (Ve) e Bareggio (Mi): questi i sei Comuni vincitori della terza edizione del "Premio Sostenibilità Ambientale e Sociale per il Comune - Efficienza energetica e innovazione nell'edilizia" organizzato da Ancitel Energia & Ambiente e Saint-Gobain Italia con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente, dell'Anci e del Consiglio Nazionale degli Ingegneri.

    Anche quest'anno il premio ha coinvolto i Comuni al di sotto e al di sopra dei 10mila abitanti. E oltre ai sei Comuni vincitori una menzione speciale è stata conferita ai progetti dei Comuni di Montanaso Lombardo (Lo), Cuneo, San Benedetto del Tronto (Ap) e Giaveno (To).

    L'obiettivo dell'iniziativa è valorizzare sia le migliori esperienze nell'ambito dell'edilizia abitativa (ristrutturazioni/riqualificazioni e nuove realizzazioni edifici ad uso abitativo, già esistenti, di proprietà oppure gestiti dal Comune) sia quelle relative alla realizzazione di nuovi edifici di servizio (asili, scuole, sedi comunali, impianti sportivi, ecc.).

    «Nonostante le difficoltà operative, gestionali e i noti vincoli di bilancio, quest'anno è aumentato il numero delle candidature e si è registrata un'elevata qualità progettuale» commenta Filippo Bernocchi, Delegato Anci alle politiche ai Rifiuti e all'Energia. «Ciò dimostra che i Comuni vogliono investire in sostenibilità perchè ritengono, a ragione, che un'edilizia virtuosa dal punto di vista ambientale rappresenti un volano per il rilancio dell'economia locale e un elemento per migliorare la qualità della vita dei propri cittadini».

    Due i principali parametri presi in esame dalla giuria per assegnare i riconoscimenti: la progettazione architettonica di qualità votata al massimo isolamento termico in nome del risparmio energetico (sia in termini di kWh/m2 anno, sia di Co2 risparmiate) e del comfort abitativo e l'adozione di impiantistica innovativa e tecnologicamente avanzata per consentire il massimo sfruttamento delle energie rinnovabili.

    Grande attenzione è stata posta anche nei confronti dell'adozione di standard normativi avanzati in particolare sotto il profilo della certificazione energetica. «In fase di valutazione - spiega il professor Giuliano Dall'O' del Dipartimento Best del Politecnico di Milano - abbiamo tenuto conto delle prestazioni energetiche degli interventi, ma anche della qualità architettonica, dell'innovatività delle soluzioni, dei sistemi di monitoraggio dei consumi e delle azioni divulgative realizzate dai Comuni».

    Un buon isolamento termico, dall'interno o dall'esterno, permette di risparmiare dal 70% fino al 90% di energia. «È possibile intervenire da subito, cambiando le modalità di progettazione dei nuovi edifici e di ristrutturazione di quelli esistenti», conclude Gianni Scotti, Presidente e Ad di Saint-Gobain in Italia.


    © RIPRODUZIONE RISERVATA