Innovazione e Prodotti

Allo studio coloranti per catturare l'energia solare

I ricercatori dell'Università di Turku in Finlandia credono che coloranti flessibili, leggeri e poco costosi potrebbero essere utilizzati per raccogliere l'energia del sole: una strategia alternativa ai pannelli di semiconduttori costosi e fragili che utilizzano il silicio cristallino. La ricerca, pubblicata sul Journal of Technology, Policy and Management, dimostra che le celle solari sensibilizzate con il colorante (DSC - Dye-sensitised solar cells) sono destinate a diventare una fonte di energia
universale che permetterà di rinunciare ai complessi e costosi processi produttivi associati agli attuali pannelli solari. Per il team si tratta di una rivoluzione del settore della produzione di energia elettrica che sarà accessibile a tutti senza la necessità di attivare sussidi governativi o altre forme di sostegno politico-sociale. Le celle solari fotovoltaiche basate sul silicio policristallino sono i dispositivi più comunemente utilizzati ma, secondo gli studiosi, le DSC funzionano in maniera più semplice: la luce batte su uno strato bianco di biossido di titanio, l'energia solare assorbita succhia elettroni dalle molecole di colorante in uno strato di rivestimento interno, generando così un flusso di elettroni e producendo la corrente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA