Innovazione e Prodotti

Il complesso residenziale firmato Franchi con Wood Beton

Mila Fiordalisi

Bassi consumi energetici grazie all'alta capacità isolante. La strategia passa attraverso il sistema costruttivo prefabbricato Aria

Alta capacità isolante e bassi consumi energetici: fa leva sui principi di ecosostenibilità il complesso residenziale "I Girasoli" in via di realizzazione a Cavallasca (Co). A firma dell'architetto Giovanni Franchi il complesso – che vede in campo le imprese di costruzioni Mazzocchi e Silmat – è localizzato su una superficie di circa 5.000 mq, con ampi spazi adibiti a verde e si compone di edifici unifamiliari, ville a schiera e appartamenti di varia metratura. Il 6 aprile per la prima volta il cantiere è stato aperto alla stampa per una visita dedicata ad approfondire le caratteristiche costruttive e impiantistiche del complesso, che promette di diventare una best practice nazionale in tema di costruzioni "low energy".
La strategia isolante passa attraverso l'impiego del sistema costruttivo prefabbricato Aria (Wood Beton) in legno-calcestruzzo con un "cuore" in camera d'aria. Due i punti di forza della soluzione: la caldana esterna in calcestruzzo aumenta le performance della struttura prefabbricata in termini di isolamento termico e acustico e la camera d'aria consente di regolare la temperatura interna degli edifici contribuendo ad abbattere i consumi energetici legati all'utilizzo degli impianti di riscaldamento e raffrescamento. In dettaglio, il "kit" Aria si compone di una struttura interna intelaiata in legno, isolata con lana di roccia (per un totale di 30 cm di spessore), e una crosta esterna in calcestruzzo (da 5 cm). Fra le due pareti la camera d'aria.
È inferiore ai 0,19 Watt per mq il valore di trasmittanza termica, al di sotto quindi dei limiti imposti dalla normativa nazionale: i ponti termici sono ridotti al minimo e l'elevata capacità di accumulo termico della crosta esterna in calcestruzzo rende l'involucro più efficiente in particolare durante la stagione estiva. Il sistema Aria garantisce inoltre gli edifici da un punto di vista antisismico: gli elementi strutturali hanno un rapporto peso-resistenza ottimale e consentono di salvaguardare gli edifici anche a fronte di terremoti di alta intensità, assicura Wood Beton. Fotovoltaico, solare termico e geotermia le tecnologie messe in campo per consentire l'abbattimento dei consumi energetici e sfruttare le fonti rinnovabili per il sostentamento degli edifici. Per la produzione di energia elettrica è prevista la realizzazione di un impianto fotovoltaico da 17 kW che servirà anche ad alimentare il sistema di riscaldamento a pavimento con pannelli a bassa temperatura nonché gli impianti localizzati nelle parti comuni. A costo "zero" il funzionamento della pompa di calore collegata con l'impianto geotermico verticale (composto da cinque sonde geotermiche da 110 metri): l'energia necessaria ad alimentare la caldaia viene infatti prodotta completamente dall'impianto fotovoltaico. La produzione di acqua calda è demandata ai pannelli solari. Per monitorare e tenere sotto controllo i consumi nelle le abitazioni sono state "domotizzate": sarà possibile verificare in tempo reale la quantità di energia prodotta e consumata nelle singole abitazioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA