Innovazione e Prodotti

Accordo Itaca-Accredia per la promozione delle certificazioni

Firmato il protocollo d'intesa tra Itaca, l'Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale, e Accredia, l'ente unico nazionale di accreditamento, per la promozione delle certificazioni rilasciate sotto accreditamento a sostegno delle politiche regionali per la sostenibilità ambientale delle costruzioni.
L'accordo, siglato da Federico Grazioli,pPresidente di Accredia, e Ugo Cavallera, presidente di Itaca e Vicepresidente di Regione Piemonte, la cui firma era stata preceduta dall'approvazione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, getta le basi per la realizzazione di un sistema di certificazione nazionale in materia di sostenibilità ambientale degli edifici. Con riferimento al protocollo Itaca e sotto il cappello dell'accreditamento, si pone l'obiettivo di garantire l'indipendenza, l'imparzialità e la competenza di chi valuta le conformità alle norme di riferimento.
Attesa da imprese e professionisti, la collaborazione tra le due organizzazioni si pone l'obiettivo di elaborare uno standard unico nazionale sulla sostenibilità ambientale delle costruzioni, prevedendo in particolare la definizione di un sistema di certificazione unitario e a carattere volontario, coordinato ed integrato sia con i sistemi regionali, già attivi sul territorio e basati proprio sul protocollo Itaca, sia con il sistema di normazione tecnica (UNI e CEN).
Il protocollo Itaca, oggi applicato all'edilizia residenziale, commerciale ed industriale, che entro l'anno coprirà tutte le tipologie di edifici, in ambito pubblico è uno schema di riferimento per attuare politiche di incentivazione verso l'edilizia sostenibile: housing sociale, contratti di quartiere, regolamenti edilizi comunali, piano casa.
L'intesa con Itaca si inserisce nell'intensa azione che Accredia sta portando avanti in tema di tutela dell'ambiente anche con altri soggetti istituzionali, a partire dal Ministero dell'Ambiente, per garantire la competenza di chi certifica la conformità agli standard ambientali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA