Innovazione e Prodotti

La tecnologia «Med in Italy»
protagonista a Bolzano

Mila Fiordalisi

In mostra alla fiera dell'edilizia «green» un prototipo dell'abitazione italiana in gara al Solar Decathlon Europe. Ideata da un team di esperti la struttura sarà realizzata in legno con isolanti a base di sabbia, pareti fotovoltaiche e materiali riciclati

Sarà svelato a Bolzano in occasione dell'edizione 2012 del Klimahouse, al via il prossimo 26 gennaio, il prototipo di Med in Italy, l'abitazione con cui l'Italia farà il proprio debutto al Solar Decathlon Europe, la «costola» continentale del concorso internazionale indetto dal dipartimento di Energia americano.

L'abitazione italiana, ideata da un team congiunto delle facoltà di Architettura, economia ed ingegneria dell'Università Roma Tre e di Disegno industriale della Sapienza, farà leva sulla tradizione costruttiva mediterranea. In dettaglio, alla Fiera di Bolzano sarà allestita una sezione del prototipo, un mock up da circa 1,5 x 2,5 metri che mostrerà le soluzioni costruttive e impiantistiche protagoniste dell'abitazione.

«Il mock up mostrerà in sezione l'angolo nordest della struttura», annuncia a «Progetti & Concorsi» l'architetto Chiara Tonelli, docente di Roma Tre e team leader del progetto. «L'abitazione sarà realizzata totalmente in legno con un rivestimento esterno in vimini. E in Fiera sarà possibile visionare anche la stratigrafia interna, composta da uno strato isolante a base di lana di legno e sabbia, materiale quest'ultimo utilizzato anche per la realizzazione del grande quadro a firma dell'artista Massimo Catalani che sarà protagonista della parete più lunga». La scelta della sabbia non è casuale: il materiale consente di assorbire il calore in eccesso per poi rilasciarlo all'occorrenza, dando vita a un ecosistema capace di ridurre al minimo il ricorso al riscaldamento e soprattutto al raffrescamento artificiale. Per isolare la parete corta si è optato invece per l'argilla.

Ridotto al minimo anche il ricorso all'illuminazione artificiale: sul quadro di Catalani sarà allestito un lucernario in grado di far filtrare la luce naturale all'interno dell'abitazione. E durante le ore notturne il mare in cui nuota la grande acciuga protagonista dell'opera dell'artista si «accenderà» di luce propria grazie all'uso di pigmenti fotoluminescenti.

Riguardo all'impiantistica il team italiano farà leva soprattutto sul fotovoltaico, utilizzato a livello della copertura ma anche delle pareti. «La facciata fotovoltaica – spiega Tonelli – sarà a base di tecnologia Cis, ossia di un composto di rame, indio e selenio che evitando il ricorso al silicio e soprattutto al cadmio consentirà di ottenere un impianto innovativo sia sul fronte della resa energetica sia dell'impatto ambientale». L'uso della tecnologia Cis permetterà infatti di massimizzare la produzione energetica anche sul lato nord. L'impianto risulta inoltre innovativo anche sul fronte della resa estetica. I pannelli, forniti da Odersun, saranno infatti colorati e alla Fiera di Bolzano saranno allestiti nella tonalità verde.

In corrispondenza della parete fotovoltaica sarà utilizzata una guaina bianca frutto del riciclo dello scarto della lavorazione delle olive che permetterà di dare vita a un cool roof. Pannelli radianti a soffitto e un sistema di ventilazione meccanica controllata completano l'allestimento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA