Lavori Pubblici

Alta velocità, Gentile (Rfi): le tratte Napoli-Cancello e Cancello-Frasso Telesino operative nel 2023

Q. E. T.

Napoli-Bari: in quattro anni tutti i lotti sono stati progettati e le risorse, pari a 6,2 miliardi, sono disponibili per finanziare l'opera fino al suo completamento

«Nel 2023 saranno operative e in esercizio le prime due tratte della linea ferroviaria di Alta Capacità Napoli-Bari, la Napoli-Cancello (813 milioni) e la Cancello-Frasso Telesino (320 milioni)». Lo ha annunciato intervenendo al convegno di Grottaminarda (Avellino) Maurizio Gentile, ad di Rfi e commissario di governo per la realizzazione di questa infrastruttura strategica che consentirà di collegare in tre ore Bari e Roma e in due ore Napoli e Bari.

Gentile, che ha sottolineato il grande clima di collaborazione tra i vari soggetti pubblici e istituzionali, ha fatto anche il punto sullo stato dei lavori, ricordando che in quattro anni, dal 2015, tutti i lotti sono stati progettati e che le risorse, pari a complessivi 6,2 miliardi, sono oggi disponibili per finanziare l'opera fino al suo completamento.

Gentile ha poi sottolineato che grazie all'Alta Capacità Napoli-Bari, «si dà vita ad un tri-polo che con Roma costituisce una delle più grandi aree metropolitane d'Europa, con un enorme potenziale di sviluppo di relazioni industriale e commerciali».
Il commissario della Napoli-Bari, si è quindi soffermato sul tratto più impegnativo, stazione Hirpinia-Orsara, 27 chilometri in galleria con lavori per 1,2 miliardi. «Il progetto -ha detto- è concluso ed è stato consegnato alla Conferenza dei servizi e al Provveditorato dei lavori pubblici per gli adempimenti di competenza».


© RIPRODUZIONE RISERVATA