Lavori Pubblici

Appalti, Boccia: «Semplificare il codice per aprire i cantieri delle infrastrutture»

Q. E. T.

Il presidente di Confindustria chiede semplificazioni per spendere i fondi. Cantone (Anac): no a stravolgimenti, serve stabilità»

Per il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, «serve invece semplificare il codice appalti, per fare in modo che i fondi previsti per le infrastrutture possano essere immediatamente disponibili e aprire i cantieri». Lo ha affermato a margine dell'assemblea Anie a Milano, parlando dei primi provvedimenti che il governo dovrebbe adottare, sottolineando che «questo significa lavoro e rendere competitivo il Paese».

Di codice appalti ha parlato anche il presidente dell’Anac Raffaele Cantone, intervenuto a Roma a un convegno su “Regolazione e mercato negli appalti pubblici tra forma e sostanza”. Cantone ha suggerito di evitare stravolgimenti ma di intervenire, semmai, con correttivi. «Evitiamo di fare come con la tela di Penelope - ha detto Cantone -. Proviamo ad attuare le leggi già esistenti. Abbiamo la necessità di una stabilità normativa, poi ben vengano i correttivi. I numeri degli appalti stanno ripartendo e l'idea di rimettere sempre tutto in discussione sarebbe un suicidio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA