Lavori Pubblici

Lunedì 19 marzo sciopero dei giornalisti: «Costituita Newco, manca progetto editoriale»

COMUNICATO SINDACALE

Esce in forma ridotta l'edizione di «Edilizia e Territorio» di oggi (lunedì) e quella di martedì sarà priva di aggiornamenti

Pubblichiamo il comunicato di venerdì 16 marzo del sindacato dei giornalisti

RADIOCOR: NO A NEWCO SENZA PROGETTO INDUSTRIALE, LUNEDI' SCIOPERO
L'assemblea di redazione di Radiocor Plus (di cui Edilizia e Territorio fa parte) accoglie con sconcerto l'improvviso dietrofront dell'azienda che, dopo aver sostenuto per mesi che l'orizzonte strategico per l'agenzia sarebbe stata una sempre maggiore integrazione nel Sole 24 Ore, ha annunciato la costituzione di una newco chiamata Newswire Srl, in cui sta valutando di conferire il ramo d'azienda Radiocor o parte di esso. Quel che è più grave è che l'annuncio non è stato accompagnato dalla presentazione di alcun progetto editoriale né strategico-industriale, escludendo inoltre che al momento siano in corso trattative con potenziali partner. L'assemblea, che resta aperta fino al termine del servizio odierno, ha pertanto affidato all'unanimità al Cdr (comitato di redazione) un pacchetto di tre giorni di sciopero: la prima giornata di astensione dal lavoro è stata indetta per lunedì 19 marzo.

Il Comitato di redazione è convinto della centralità che l'informazione economico-finanziaria in tempo reale e professionale può avere all'interno di un gruppo multimediale integrato come il Sole 24 Ore, così come avviene in chiari esempi di successo internazionale, a partire dal Wall Street Journal con l'agenzia Dow Jones. Per tutelare la professionalità dei colleghi e il ruolo della redazione all'interno del gruppo, il Cdr chiede quindi all'azienda di sospendere il processo di societarizzazione di Radiocor, che a nostro avviso potrà essere ripreso soltanto in presenza di un concreto progetto editoriale e industriale, alla luce del quale poter valutare l'intera operazione e le ricadute sulla redazione. Consapevole anche dell'attuale contesto di mercato, il Cdr non si oppone pregiudizialmente a eventuali percorsi di sviluppo che possano rafforzare l'agenzia, ma ritiene che la presentazione di queste prospettive debba avvenire a monte dell'intero eventuale processo di societarizzazione.

Il Cdr, su mandato dell'assemblea, chiederà infine di essere affiancato dalla Fnsi (sindacato nazionale dei giornalisti) per la valutazione delle future proposte aziendali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA