Lavori Pubblici

Terremoto/2. Ecco come saranno le casette provvisorie («soluzioni abitative d'emergenza»)

Giuseppe Latour

I modelli che hanno vinto la gara Consip-Protezione civile per il Centro Italia - Tre modelli da 40, 60 e 80 metri quadrati

Le casette che serviranno a fronteggiare l'emergenza del terremoto del Centro Italia, almeno sulla carta, esistono già. I moduli progettati dal consorzio stabile Cns, nell'ambito dell'accordo quadro con Regioni e Protezione civile, avranno una struttura in acciaio, tamponamenti e coperture in pannelli isolati con poliuretano e verande esterne in legno.
Sono previsti moduli di classe A+ da 40, 60 e 80 metri quadrati per soddisfare le diverse esigenze abitative: la capienza andrà da un minimo di 1-2 persone fino a un massimo di 5-6. Le strutture sono studiate per essere fruibili anche per le persone disabili e sono tutte complete di arredi ed elettrodomestici di classe A++. Per quanto riguarda l'impiantistica, invece, si è scelto di non usare una pompa di calore ma una caldaia a condensazione, con corpi radianti in ghisa per "dare l'idea di un'abitazione definitiva e non provvisoria".


© RIPRODUZIONE RISERVATA