Lavori Pubblici

Linee guida/2. Corradino (Anac): il calo dei bandi non dipende dal codice, non va fermato il cambiamento

Mauro Salerno

Parla il braccio destro di Cantone sugli appalti: sbagliato seminare terrore, il codice aiuta lo sviluppo. È responsabilità di tutti guidare imprese e Pa verso il rinnovamento. No alle lobby che fanno resistenza

Tutt'altro che un codice che blocca il mercato. «Questo codice promuove lo sviluppo e non risponde solo a logiche anticorruzione, ma di innovazione degli appalti». L'Autorità Anticorruzione non ci sta a far passare il messaggio del «codice che paralizza l'Italia», al centro anche del botta e risposta della settimana scorsa tra il governatore della campania Vincenzo De Luca e il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio. E per bocca di Michele Corradino, consigliere Anac con il ruolo di braccio destro di Raffaele Cantone sui contratti pubblici, appena approvate le prime linee guida di indirizzo al mercato, sceglie di tornare sulle polemiche degli ultimi giorni per chiarire che «in questa fase è sbagliato seminare terrore: la responsabilità di tutti noi, per prima l'Anac è aiutare Pa e imprese a intraprendere un cammino di rinnovamento che ci porta verso il futuro. Rallentarlo è una grave responsabilità».

I dati sull'andamento dei bandi a maggio, dopo l'entrata in vigore del Dlgs 50/2016, dimostrano che c'è stata una pesante caduta delle opere pubbliche messe a gara.

Anche noi abbiamo fatto fare una elaborazione tramite i nostri sistemi informativi e le prime analisi mostrano che si tratta di una tendenza che viene da più lontano. Già alla fine dell'anno scorso abbiamo rilevato, tra novembre e dicembre, un calo dei bandi di gara del 30% su base annuale. A maggio, poi , in base ai nostri dati c'è stata poi una caduta che sfiora il 60% Ora bisogna capire innanzitutto se dietro queste flessioni c'è una motivo di tipo congiunturale. Poi bisogna anche ricordare che proprio lo scorso novembre, quando cioè comincia la flessione più acuta, è scattato l'obbligo di centralizzazione degli appalti (che impedisce ai comuni non capoluogo di bandire le gare in forma autonoma, ndr).

Insomma dice che il calo dei bandi non è legato solo all'introduzione del nuovo codice.

Dico che c'è bisogno di una riflessione più complessa che non sia solo l'entrata in vigore del codice, visto che la contrazione dei bandi è una tendenza che viene da più lontano. Il fatto che la prima flessione capita in concomitanza con l'obbligo di centralizzare le gara fa pensare per esempio che ci può essere una certa resistenza di una parte delle amministrazioni a riorganizzarsi secondo le nuove regole.

Fatica ad adeguarsi alle nuove regole?

Non sarebbe un fatto anomalo. Di recente la World Bank ha pubblicato uno studio in cui si fa vedere che in tutti gli stati c'è una parte della Pa che fa resistenza al cambiamento. Ci sono grandi rischi nell'innovazione. Ed è chiaro che il funzionario ha paura di sbagliare. Il rischio che vedo io è che questa naturale resistenza al cambiamento di una parte, non di tutta la Pa, finisca per saldarsi con quelle lobby che il cambiamento non lo vogliono perché finisce la possibilità di utilizzare le varianti in forma strumentale, la possibilità di individuare un commissario di gara compiacente o di fare leva sul massimo ribasso offrendo scarsa qualità perché tanto poi si recupera. Senza contare che anche sul lato delle stazioni appaltanti l'obbligo di qualificazione farà perdere alcune sacche di potere nella gestione degli appalti. Questa sarebbe una saldatura pericolosa con responsabilità di fronte al paese perchè si finirebbe per ostacolare il cambiamento, mentre ora è responsabilità di tutti noi è aiutare la Pa e imprese a intraprendere questo cammino di rinnovamento.

C'è chi dice che sarebbe stato utile prevede un periodo transitorio per permettere a Pa e imprese di digerire le nuove regole.

Ma il periodo transitorio è stato previsto. Non è vero che non è stato regolamentato. Il codice prevede che il vecchio regolamento appalti resta in vigore finchè non diventano operative le nostre linee guida. Non solo. Abbiamo addirittura una norma che ci impone di indicare espressamente con le linee guida quali norme del regolamento via via vengono a decadere. Quindi noi non soltanto non abbiamo un vuoto normativo ,perché la situazione oggi è identica a prima, ma non abbiamo nemmeno l'incertezza normativa che caratterizza in genere queste fasi di passaggio.

I costruttori, ma anche il governatore De Luca la settimana scorsa, contestano la scelta di vietare radicalmente l'appalto integrato, obbligando ad affidare i lavori solo su progetto esecutivo.

Mettere il progetto esecutivo alla base degli appalti risponde a due esigenze. La prima è quella di restituire le amministrazioni alla loro funzione principe che è quella di programmare gli investimenti sul territorio. La seconda è quella di ridurre la spesa per le opere pubbliche. Vorrei ricordare il dato che veniva fuori dallo studio compiuto dall'Anac sulle varianti. Da li si evinceva che nel 90% dei casi il costo delle varianti equivaleva precisamente al ribasso proposto in fase di gara. Tutti dicono che la variante non va demonizzata. Giusto. Però va restituita al suo ruolo che è quello di rispondere alla sorpresa geologica. Fino a questo momento l'assenza di una progettazione vera ha fatto si che la variante assolvesse a funzioni completamente diverse come quella di rimettere in circolazione il denaro che era stato risparmiato con il ribasso d'asta. Utilizzo anomalo , spesso illecito, che ha comportato un aumento mostruoso delle opere pubbliche. Ecco perché la progettazione deve essere al centro di tutto e deve essere quella esecutiva.

Va bene, ma in questa fase chiedere il progetto esecutivo sta avendo un impatto negativo sulla pubblicazione dei bandi di gara.

Bisogna vedere. Perchè tutte le norme più controverse non sono ancora in vigore. Facciamo qualche esempio: la qualificazione delle stazioni appaltanti, ancora non è in vigore e se ne parla tra un anno, mentre l'obbligo dei commissari di gara di gara esterni non è in vigore (e comunque non si applica sottosoglia) . Quanto all'obbligo di progetto esecutivo ci sono strumenti che come l'accordo quadro che garantiscono forti semplificazioni. E non ci si spiega a questo punto perché non si fanno appalti sotto al milione.

Come rispondete a chi sostiene che è impossibile coniugare progetto esecutivo e gara all'offerta più vantaggiosa. Se il progetto è perfetto che bisogno c'è di altri parametri di valutazione oltre al prezzo?

Qui bisogna vedere qual è la filosofia del codice a me pare che questo codice non voglia dettare soltanto nuove norme: ma una nuova filosofia degli appalti. Il primo pilastro è la qualificazione delle stazioni appaltanti che grazie a questa innovazione avranno uno spazio discrezionale che in passato non hanno mai avuto. Il contraltare è che si sta puntando sull'impresa . Attraverso il rating di reputazione puntiamo a premiare i costruttori che hanno gru mezzi e operai e non soltanto avvocati. A questo serve l'offerta più vantaggiosa: a premiare le imprese che innovano. Mentre il massimo ribasso appiattisce l'impresa premiando chi ha una produzione standardizzata e non ha nuove soluzioni da proporre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA