Lavori Pubblici

Lavori all'estero, Cmc Ravenna vince tunnel idrico da 68 milioni di euro nelle Filippine

A.A.

La coop dovrà costruire una galleria per condotte d'acqua lunga 6,4 km - Il direttore Macrì: «L'Asia è per noi un mercato strategico»

Cmc di Ravenna, cooperativa di costruzione numero uno in Italia (e quinta nella classifica per fatturato di tutte le imprese edili italiane) si e' aggiudicata un contratto da 68 milioni di euro per la realizzazione di un tunnel nella provincia di Bulacan a nord di Manila (Filippine). Il tunnel che avra' una lunghezza di 6.4 Km sara' realizzato grazie all'utilizzo di una Tbm (tunnel boring machine) e permettera', nell'ambito del progetto Awtip, finanziato dalla Banca di Sviluppo Asiatico, il trasferimento dell'acqua dal bacino di Ipo fino all'impianto di sedimentazione di Bigte.
«Il progetto - spiega Cmc in una nota - sara' completato entro la fine del 2020, e assume un grande valore sociale e strategico per il Paese viste le condizioni critiche in cui versano i fatiscenti acquedotti che rischiano di non poter garantire l'approvvigionamento idrico a circa 13 milioni di persone». Il tunnel, inoltre, contribuira' a migliorare l'efficienza nella distribuzione dell'acqua eliminando le grandi perdite presenti negli acquedotti preesistenti.

«Nelle Filippine - spiega il direttore generale di Cmc Roberto Macrì - Cmc aveva già operato, all'inizio degli anni 2000, in due importanti progetti irrigui e idroelettrici: quello di Casecnan e quello di Cbk. Il mercato asiatico per noi riveste un'importanza strategica e siamo fortemente motivati a proseguire le nostre attivita' in questo continente che già ci vede protagonisti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA