Lavori Pubblici

Facility management, da oggi solo gare centralizzate - Il decreto in «Gazzetta»

Massimo Frontera

Per le amministrazioni statali e regionali scatta l'obbligo di mandare in gara gli appalti di Facility management attraverso i soggetti aggregatori. Tra sei mesi tocca ai comuni

Approda in «Gazzetta» il Dpcm che individua le 19 categorie merceologiche per le quali gli appalti dovranno necessariamente passare attraverso uno dei 35 soggetti aggregatori, in base all'architettura formalizzata dall'Anac.

I contenuti del Dpcm (anticipati da Edilizia e Territorio) sono stati presentati nei giorni scorsi dal ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan e dal commissario alla Spending review, Yoram Gutgeld. Si tratta del primo decreto che attua la concentrazione degli approvvigionamenti di beni e servizi previsto dal decreto legge 66/2014 e successivamente definito attraverso il tavolo sulla Spending del ministero dell'Economia.
Le norme sono immediatamente attuative per tutte le amministrazioni regionali e statali, mentre per gli enti locali diventeranno obbligatorie tra sei mesi.

I 19 BENI E SERVIZI DA ACQUISIRE TRAMITE I SOGGETTI AGGREGATORI

Ecco le 5 categorie di beni e servizi individuati dal decreto nel settore immobiliare (con relativa soglia di importo oltre la quale scatta l'obbligo della gara tramite soggetto aggregatore): Vigilanza armata (soglia di 40mila euro); facility management immobili (soglia comunitaria); pulizia di immobili (soglia comunitaria); guardiania (40mila euro)e manutenzione di immobili e impianti (soglia comunitaria). Le altre 14 categorie di beni e servizi riguardano il comparto della sanità.

Secondo quanto comunicato dal governo, con questa prima tappa della centralizzazione della spesa si aggredisce una spesa di circa 16 miliardi di euro all'anno. La stima riguarda il valore della spesa quantificata in 12,8 miliardi per gli acquisti di 15 categorie di beni e servizi sanitari, cui si aggiunge una spesa di circa 3 miliardi di euro l'anno per le cinque categorie di spesa che riguardano gli immobili e servizi connessi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA