Lavori Pubblici

Valorizzazione dei musei, Svimez: nel Mezzogiorno crollo del 30% degli investimenti in 13 anni

Massimo Frontera

L'analisi condotta a livello nazionale e basata sui dati del ministero dello Sviluppo. Record negativo nella Calabria (-43,6%)

Negli ultimi 13 anni gli investimenti delle pubbliche amministrazioni destinate alle aree del Mezzogiorno per il sostegno di iniziative legate alla cultura hanno visto una caduta del 30 per cento.

Lo denuncia lo Svimez, da anni impegnato nella promozione e nello sviluppo delle aree del Mezzogiorno nella ricerca "Le spese per la cultura nel Mezzogiorno d'Italia" del Consigliere della Svimez Federico Pica e Alessandra Tancredi, (Agenzia per la Coesione Territoriale, CPT, Unità tecnica centrale).

L'analisi è stata condotta sulla base di dati del Ministero dello Sviluppo (dipartimento Sviluppo e coesione economica/Cpt) sull'andamento della spesa nel periodo 2000-2013. In questi anni, afferma la ricerca Svimez, la spesa procapite per la cultura è scesa del 30%, passando da 126 a 88 euro, contro il -25% di calo avvenuto nelle aree del Nord.
Da un'altra elaborazione di Svimez risulta che, nel 2013, fatto pari a 100 il livello medio nazionale, la spesa pro capite per la cultura è stata del 69% nel Mezzogiorno, a fronte del 105% del Nord e del 141% del Centro.

Nel complessivo ambito della "cultura e servizi ricreativi" sono inclusi principalmente gli «interventi a tutela e valorizzazione di musei, biblioteche, cinema, teatri, enti lirici, archivi, accademie». Il capitolo include anche «attività ricreative e sportive quali piscine, stadi, centri polisportivi, fino alla gestione di giardini e musei zoologici».

Due i soggetti maggiormente coinvolti da queste spese: i comuni e lo Stato, insieme al Coni. Decisamente minori gli apporti delle Regioni, che destinano al settore risorse soprattutto di provenienza europea.

Particolarmente drastica la caduta degli investimenti negli anni della crisi. Tra il 2009 e il 2012, «in piena crisi, la spesa in conto capitale per la cultura è passata al Sud dai 45 euro pro capite del 2009 ai 17,3 del 2011, per poi risalire a 19,6 nel 2013». «Non a caso - aggiunge la nota di Svimez - dal 2007 al 2013 la stessa spesa è crollata del 55% al Sud contro il 39% del Nord».
Il record della caduta degli investimenti appartiene alla Calabria, che ha visto una caduta del 43,6%.


© RIPRODUZIONE RISERVATA