Innovazione e Prodotti

Hi-tech, commessa speciale per Came: domotica per 2.000 case in Lussemburgo

Franco Tanel

Maxi-ordine dell'immobiliare Prodomos

Non capita tutti i giorni di dover sviluppare un progetto di domotica per qualcosa come 2000 appartamenti. C'è riuscita la trevigiana Came Spa, azienda specializzata nei settori della home & building automation, dell'urbanistica e della sicurezza che, chiamata dalla società immobiliare lussemburghese Prodomos, ha installato un sistema domotico avanzato in quattro complessi residenziali del Granducato. Un progetto che promette ulteriori sviluppi, con l'installazione nei prossimi anni dei sistemi domotici Came in molti altri appartamenti.

Le richieste del committente non erano banali: serviva una soluzione che gestisse, attraverso un unico sistema, domotica, antintrusione, videocitofonia e controllo accessi, il tutto per ogni abitazione. Fondamentali anche facilità di installazione, rapidità di programmazione, modularità (per consentire ad ogni utente di scegliere il proprio allestimento preferito) e facilità di utilizzo. Tutto doveva essere poi accessibile sia in locale che da remoto, a beneficio sia degli abitanti gli appartamenti che dei tecnici installatori e manutentori. Came è stata scelta grazie alla propria tecnologia Came Domotic 3.0 nella quale tutti i dispositivi sono collegati e integrati tra loro a 360°. Tecnologia che consente il controllo centralizzato di luci, tapparelle, tende e persiane, il controllo di riscaldamento e raffrescamento, e la gestione di un sistema di videocitofonia a tutela di privacy e sicurezza. A queste specifiche si aggiungono un sistema antintrusione e i rilevatori antincendio e antigas. Ovviamente è possibile controllare e attivare ogni elemento anche in remoto da PC smartphone e tablet attraverso una apposita "app" che permette anche di programmare attivazioni o spegnimenti nell'arco delle 24 ore.

Completa la parte di videocitofonia un controllo degli accessi anche attraverso un badge o un codice numerico. Le tecnologie adottate sono pensate anche per essere agevolmente utilizzate da persone con handicap. Il pacchetto complessivo è stato installato in vari complessi residenziali. A Les Etanges nel distretto di Mondorf-les-Bains, che si sviluppa su 12.800 mq con 146 appartamenti distribuiti in cinque edifici, nel complesso Florea a Schifflange, che comprende per 686 appartamenti, 42 case e 2000 mq di aree commerciali e ancora a Kohlenberg con il progetto Mondriani una palazzina con 16 appartamenti di lusso. Ultimo in ordine di tempo il complesso residenziale Ilot-A a Cloche d'Or con 850 appartamenti immersi in un parco.

Came Spa si conferma così come una delle realtà più significative a livello internazionale nel settore della home & building automation. Il Gruppo con i brand Came, Bpt e GO progetta produce e propone soluzioni di automazione per ingressi, sistemi domotici e antintrusione, videocitofonia, termoregolazioni e porte sezionali per installazioni residenziali ed industriali. Con i brand Urbaco e Parkare offre soluzioni per grandi progetti e urbanistica, oltre a sistemi per la gestione di parcheggi automatici. Came è di proprietà della famiglia Menuzzo; in Italia ha tre stabilimentiti produttivi a Treviso, Sesto al Reghena e Spilimbergo, mentre altri tre sono rispettivamente ad Avignone, in Francia, Barcellona, in Spagna e Londra in Gran Bretagna. Il fatturato del 2015 ha toccato i 250 milioni di euro, confermando la crescita costante degli ultimi anni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA