Innovazione e Prodotti

A Roma Termini prende forma il maxi-parcheggio «aereo» (mentre passano 800 treni al giorno)

M.Fr.

Messo in opera il primo dei dieci "pezzi" della struttura di tre piani sopra il binario uno

Una sfida tecnologica «unica in Italia». La definiscono così i tecnici delle Ferrovie che a Roma stanno seguendo la realizzazione del maxi-parcheggio sopra il binario uno della stazione Termini. Il futuro parcheggio avrà tre livelli e sarà in grado di ospitare oltre 1.330 posti auto.

Nei giorni scorsi le Ferrovie hanno comunicato che è stato effettuato il primo "varo" della piastra parcheggi. L'operazione è la prima di dieci operazioni simili che sono in programma. La tecnica del «varo a spinta», informano le Ferrovie, viene normalmente utilizzata per la costruzione dei ponti. Il complesso è costituito da una struttura di tralicci del peso di circa 300 tonnellate, che permetterà durante le ulteriori spinte un perfetto allineamento altimetrico di tutta la struttura.

Quattro martinetti «hanno spinto per oltre 16 metri la prima sezione del parcheggio». Si è trattato di una operazione «particolarmente delicata eseguita, sotto la direzione lavori di Grandi Stazioni (Gruppo FS), da 30 operai e 6 tecnici della Salc di Claudio Salini.
A rendere più delicata l'attività di cantiere è il fatto che la stazione - e in particolare il binario uno, utilizzato per i treni ad alta velocità - continuai a essere pienamente operativa. Ogni giorni alla stazione Termini arrivano e ripartono 800 treni.

Il parcheggio sopra i binari della stazione di Roma Termini è il «primo in Europa nel suo genere, ha una capacità di 1.337 posti auto e 85 posti moto su 3 piani accessibili attraverso una rampa da Via Marsala. Dopo questo intervento, finanziato con fondi della legge Obiettivo, la disponibilità di posti gestiti dalle Ferrovie a Roma Termini passerà dagli attuali 275 a oltre 1.600.


© RIPRODUZIONE RISERVATA