Lavori Pubblici

Ferlito: mi autosospendo da presidente in attesa di chiarimenti

"Al di là di quanto previsto dallo Statuto e dal codice etico dell'Ance riguardo al reato per il quale ho subito una condanna di primo grado, ho deciso di autosospendermi dalla carica di presidente regionale dell'Ance Sicilia". Lo ha comunicato Salvo Ferlito in una nota stampa.
"Ciò in quanto la eticità delle mie azioni e delle mie scelte va oltre le previsioni statutarie e del codice etico e si è sempre basata su una convinta adesione ai più elevati standard di comportamento etico e sulla prevalenza degli interessi dell'Associazione".

"Ho ritenuto la decisione indispensabile sia per favorire una serena verifica dei fatti da parte degli organi interni di vigilanza sulle cariche del sistema associativo Ance, sia per poter condurre al meglio la mia difesa personale nei prossimi gradi di giudizio in attesa di pervenire ad una conclusione che – ne sono fermamente convinto - attesterà la mia totale estraneità".

"Un percorso che, nell'interesse collettivo di portare imparzialmente alla verità, ha bisogno di essere scevro da condizionamenti ed eventuali strumentalizzazioni, e che non dovrà in alcun modo rallentare l'azione di impegno e legalità da tempo intrapresa a testa alta dall'Associazione regionale, in prima linea a sostegno e difesa delle imprese associate che operano nel nostro territorio".

Ferlito è stato condannato a 3 anni per truffa nel processo per l'appalto della strada provinciale 102/II. La sentenza, del 27 maggio, è del giudice dell'udienza preliminare Alba Sammartino che con il rito abbreviato ha anche condannato la moglie di Ferlito, Sebastiana Coniglio a due anni. Ferlito titolare assieme alla moglie della Comer Costruzioni Meridionali dopo avere vinto l'appalto per 4 milioni e mezzo si sarebbe avvalso della manodopera della Incoter dei fratelli Basilotta, un'azienda confiscata per infiltrazioni mafiose, con un contratto che inizialmente prevedeva la fornitura a freddo dei soli mezzi meccanici. La Dia di Catania che ha svolto le indagini ha scoperto che la Incoter avrebbe fornito la manodopera mentre la Comer avrebbe ottenuto il pagamento delle commesse.


© RIPRODUZIONE RISERVATA