Lavori Pubblici

Occupazione sempre in calo in edilizia (-1,2%), mentre il mercato vede l'inversione (+0,7%)

A.A.

Nel primo trimestre -17mila unità nelle costruzioni (-1,2%), anche se il Sud è in controtendenza (+18mila posti nel mattone) - Sul mercato del lavoro +0,7% di occupati rispetto ad aprile 2014

L'occupazione cresce nel mese di aprile, l'ultimo disponibile, secondo le statistiche Istat comunicate il 3 giugno: 159mila unità in più rispetto al mese di marzo 2015, pari al +0,7%, e +261mila rispetto ad aprile 2014, pari sempre a una crescita percentuale dello 0,7%.

Tuttavia in edilizia il calo in corso dal 2008 non dà segni di inversione di tendenza: nelle costruzioni - segnala l'Istat - per il diciannovesimo trimestre anche se con minore intensità, prosegue la flessione degli occupati (-1,2%, -17 mila unità).
Secondo i dati Istat rielaborati dall'Ance dal 2008 al 2014 l'occupazione nelle costruzioni è scesa da circa due milioni di persone a 1,5 milioni, il 25% in meno.
Tuttavia - tornando ai dati Istat del 3 giugno - in controtendenza rispetto al Centro-nord, nel Mezzogiorno crescono sia gli occupati nell'industria in senso stretto (+2,3%, 18 mila unità) sia nelle costruzioni (+3,8%, 15 mila unità). Nel terziario gli occupati crescono dell'1,0% (147 mila unità in più su base annua), soprattutto tra i dipendenti e nel Centro-nord.

In termini generali (tutto il mercato del lavoro), l'Istat segnala che nel primo trimestre 2015 continua a crescere il numero di occupati su base annua (+133 mila unità, 0,6%). L'aumento riguarda entrambe le componenti di genere e tutte le ripartizioni territoriali, soprattutto il Nord (+0,6%, 71mila unità) e il Mezzogiorno (+0,8%, 47mila unità). Al calo degli occupati nelle classi di età 15-34 anni e 35-49 anni (-1,7% e -1,4%, rispettivamente), continua a contrapporsi la crescita degli ultra 50enni (+5,3%).
L'incremento dell'occupazione interessa sia gli italiani (+50 mila unità) sia gli stranieri (+83 mila unità). In confronto al primo trimestre 2014, tuttavia, il tasso di occupazione 15-64 anni degli stranieri diminuisce di 0,4 punti percentuali a fronte di una crescita di 0,5 punti tra gli italiani.

Tornando al dato di aprile, i disoccupati diminuiscono su base mensile dell'1,2% (-40 mila). Dopo l'incremento degli ultimi due mesi, ad aprile il tasso di disoccupazione cala di 0,2 punti percentuali, arrivando al 12,4%. Nei dodici mesi il numero di disoccupati è diminuito dello 0,5% (-17 mila) e il tasso di disoccupazione di 0,2 punti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA