Lavori Pubblici

Anas, la (buona) nomina di Armani apre
una nuova era sulle concessioni

Giorgio Santilli

Al nuovo presidente e Ad tutti chiederanno di fare chiarezza sulla natura della società che oggi è un ibrido senza eguali nel panorama pubblico italiano

La nomina di Gianni Armani è una buona nomina, visto il buon lavoro svolto a Terna negli anni passati. Ma non sarà un compito facile quello che lo attende, chiamato com'è a fondare il nuovo corso dell'Anas. Al nuovo presidente e amministratore delegato, infatti, tutti chiederanno di fare chiarezza sulla missione e sulla natura stessa della società che oggi è un ibrido praticamente senza eguali nel panorama pubblico italiano: un po' concedente (anche se formalmente si è spogliato di questo ruolo) e un po' concessionario, un po' amministrazione pubblica (sia pure con la foglia di fico formale della spa) e un po' con pretese di competere sul mercato (ma quale mercato?).

Al momento l'idea della privatizzazione dell'Anas non sta in piedi e Armani, una volta entrato in confidenza con il gruppo, dovrà forse suggerire ai suoi azionisti quale strada percorrere perché è quasi certo che non ce l'hanno chiaro neanche loro. Basti ricordare che una volta che si è tentato di dare all'Anas ricavi di mercato con il decreto che avrebbe dovuto pedaggiare raccordi e bretelle già in gestione (come il Gra e la Roma-Fiumicino), l'allora sindaco di Roma Gianni Alemanno ha minacciato di fare a pezzi i caselli sul Raccordo anulare e da allora nessuno ci ha più provato. Per non parlare della Salerno-Reggio, unica autostrada italiana totalmente gratuita.

In realtà è probabile che ad Armani - perso anche il poter di vigilanza sulle concessionarie autostradali che il ministro Lupi ha voluto anacronisticamente riportare al ministero delle Infrastrutture invece di affidarlo all'Autorità di regolazione dei trasporti - alla fine si chiederà solo di completare la Salerno-Reggio Calabria e di realizzare strade, possibilmente con gare trasparenti e costi e tempi sotto controllo. Cosa non da poco: come chiedere a qualcuno di fare bene il suo mestiere. Una missione solida e importante nell'Italia che vuole ripartire, a patto che si abbandonino velleità di privatizzazione. Oppure, al contrario, si privatizzi ma avendo il coraggio di abbandonare tutte le contraddizioni e i conflitti di interesse e facendo dell'Anas il primo concessionario di una nuova era delle concessioni in Italia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA