Lavori Pubblici

Giubileo, no dei costruttori romani a procedure d'urgenza per i lavori

No dei costruttori di Roma a procedure d'urgenza per le opere del Giubileo. «Sono trascorsi due mesi da quando il Pontefice ha annunciato il Giubileo straordinario che avrà inizio il prossimo 8 dicembre e ancora oggi non è stata presa alcuna decisione circa i lavori da realizzare e le risorse disponibili per garantire una adeguata accoglienza ai fedeli», dichiara il Presidente dell'Acer Edoardo Bianchi.

«Siamo fortemente preoccupati che il poco tempo rimasto possa indurre a scelte operative che non garantiscano la piena trasparenza negli affidamenti», prosegue Bianchi. «È nota la nostra ferma contrarietà a procedure d'urgenza e a proroghe di affidamenti già in atto, che potrebbero essere lesive dell'imprescindibile principio di concorrenza tra gli operatori ed incidere negativamente sulla qualità dei lavori». Per Bianchi bisogna definire al più presto il programma dei lavori. «La nostra associazione - conclude - continuerà a prestare la massima attenzione affinchè, con la motivazione dell'urgenza, non venga tradita la legittima aspettativa delle imprese alla trasparenza e alla regolarità degli appalti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA