Lavori Pubblici

Delrio: stazione Av di Afragola operativa dal primo trimestre 2017 - Fotogallery

Alessandro Lerbini

Nel question time alla Camera il ministro delle Infrastrutture specifica che nessuna autocertificazione ha sostituito i documenti di collaudo per le opere dell'Expo

«La stazione dell'Alta velocità di Afragola sarà completata entro il 2016 ed entrerà in esercizio nel primo trimestre del 2017». Lo ha dichiarato in un question time alla Camera il ministro delle Infrastrutture, Graziano Del Rio. «I lavori - ha detto il ministro - sono stati consegnati il 20 marzo ad Astaldi , ora è in corso la cantierizzazione. I collegamenti metropolitani da e per la stazione saranno attivati e garantiti con la variante Napoli-Cancello. L'intervento, già finanziato, permetterà il prolungamento della Circumvesuviana fino all'Alta velocità. Saranno adeguati anche i collegamenti su gomma con aree di sosta. In tal senso Rfi ha già appaltato le opere».

Riguardo le opere dell'Expo, Delrio ha assicurato che nessuna autocertificazione ha sostituito i
certificati di collaudo.
«Il commissario unico Giuseppe Sala - ha spiegato il ministro - ha evidenziato due tipi di manufatti: i primi in cui Expo è la stazione appaltante mentre i secondi sono progetti self build dai paesi partecipanti. Per la prima categoria il commissario garantisce che si procederà ai collaudi nei tempi previsti dalle procedure per gli appalti pubblici. La stazione appaltante ha proceduto a occupazione preventiva come previsto dalla legge dopo che è stato emesso certificato di
collaudo provvisorio».

«Per quanto riguarda i manufatti dei paesi partecipanti - ha aggiunto Delrio -, questi sono passati al vaglio della conferenza di vigilanza integrata che li ha esaminati per consentire l'apertura al pubblico. Il commissario unico ha disposto sopralluoghui di verifica e l'attestazione da parte del direttore dei lavori ovvero di un professionista abilitato. È sempre presente il certificato di collaudo statico che non viene sostituito da alcuna autocertificazione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA