Lavori Pubblici

Progetto Grand Paris, investimenti infrastrutturali per 40 miliardi in 10 anni

A.A.

Presentato a Parigi il maxi programma pubblico e pubblico-privato per l'Ile de France - Punti principali il rafforzamento della rete ferroviaria su scala extraurbana e progetti di edilizia abitativa

Un imponente programma di investimenti infrastrutturali per fare della regione dell'Ile de France un polo di eccellenza mondiale. Questo l'obiettivo del progetto Grand Paris, presentato a Parigi, e che prevede investimenti in infrastrutture pari a 40 miliardi di euro entro il 2025, con il ricorso a partenariati pubblico-privati e a fondi europei. Il piano dovrebbe portare al raddoppio del tasso di crescita della regione, alla creazione di un milione di nuovi posti di lavoro, e alla possibilita' di annoverare Parigi fra le prime 5 "global cities" al mondo per livello di attrattivita'. I punti principali del progetto sono la realizzazione della rete ferroviaria metropolitana e la pianificazione di un numero considerevole di nuove unita' abitative distribuite equamente sul territorio della regione. Per quanto riguarda, invece, il Grand Paris Express, il piano prevede la costruzione di 200 chilometri di linee ferroviarie distribuiti in oltre 70 nuove stazioni.

Le opportunità del grande programma sono state da tempo individuate dalle imprese italiane di costruzione già attive sul mercato d'oltralpe, in particolare da Pizzarotti di Parma, Pizzarotti Spa di Parma, numero 4 in Italia per fatturato tra le imprese di costruzione, che si è aggiudicata all'inizio di febbraio un appalto da 34 milioni di euro per la realizzazione di una nuova stazione della metropolitana di Parigi. Un contratto che sarà appunto, nelle intenzioni dell'azienda, trampolino di lancio per altre commesse nell'ambito del progetto "Grand Paris Express" (che vale oltre metà del progetto Grand Paris), che prevede l'ammodernamento e la realizzazione di nuove linee nella metropolitana della capitale francese, con investimenti per 22 miliardi di euro in 15 anni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA