Lavori Pubblici

Torino-Lione, Renzi firma accordo con Hollande: nel 2016 parte il maxi-tunnel

M.Fr.

Il premier a Parigi ha sottoscritto un'accordo bilaterale sulla maxi-opera, ma servirà un protocollo aggiuntivo per definire meglio i costi

Il premier Matteo Renzi in visita a Parigi ha firmato con il presidente della repubblica francese François Holland una serie di accordi bilaterali, incluso quello che conferma l'impegno e la volontà dei due paesi per realizzare la linea ferroviaria veloce Torino Lione.

La firma dell'accordo di oggi a Parigi, che fa partire i lavori definitivi per la componente di confine della Torino-Lione, rappresenta «un passaggio importante», ha sottolineato Renzi al termine del vertice intergovernativo Italia-Francia. «L'accordo che permette l'avvio dei lavori definitivi della sezione transfrontaliera della nuova linea Torino-Lione», spiega la dichiarazione congiunta Hollande-Renzi diffusa a fine vertice, dovrà essere completato da «un protocollo addizionale, per validare la certificazione dei costi di progetto e precisare le modalità di applicazione» previste nell'accordo del 30 gennaio 2012. Inoltre, Parigi e Roma «hanno firmato il dossier di richiesta di finanziamento alla Commissione Ue nell'ambito del Meccanismo per collegare l'Europa (Connecting Europe Facility) nel periodo 2014-2020.

I lavori per la realizzazione della Torino-Lione inizieranno nel 2016, ha poi precisato lo stesso premier italiano congiuntamente a Hollande nel corso della conferenza stampa seguita alla firma dell'accordo. «I lavori - ha detto - saranno effettivi a partire dal 2016. La realizzazione prenderà ancora del tempo ma non ci sono più ostacoli». Già piccoli cantieri sono stati avviati negli ultimi due anni ma il cantiere principale, che prevede un tunnel di 57 chilometri sotto le Alpi, è ancora agli inizi. Il costo stimato del solo tunnel è di 8,5 miliardi di euro. Il 40% della fattura sarà finanziata dall'Ue. L'insieme della linea ad alta velocità dovrebbe essere completata entro il 2030 e, secondo la Corte dei Conti francese, potrebbe costare complessivamente 26 miliardi di euro. «La Lione-Torino non viene solo attuata ma lanciata» e «non ci sono ostacoli alla sua realizzazione», ha concluso François Hollande,

«Firmato l'accordo con la Francia, la Tav Torino-Lione è una realtà da cui non si torna
indietro», ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, via twitter.


© RIPRODUZIONE RISERVATA