Lavori Pubblici

Renzi pensa a un ministero per il Sud con la gestione dei fondi Ue

M.Fr.

Il progetto del premier prende spunto dalle dimissione del ministro degli Affari regionali, Maria Lanzetta

Non sarà solo una sostituzione di ministro. Il cambio della guardia al ministero degli Affari regionali, dopo le dimissioni di Maria Lanzetta, potrebbe riservare delle sorprese. Secondo indiscrezioni filtrate da palazzo Chigi, il premer Matteo Renzi, starebbe pensando a un restyling più profondo del ministero, con un ampliamento di competenze e una diversa denominazione: ministero per il Mezzogiorno.

Tra le novità di sostanza, c'è la gestione dei fondi europei. A guidarlo, a quanto ha fatto intendere il premier nel corso di una trasmissione televisiva il premier, sarebbe un'altra donna: «Esce una entra una», ha detto Renzi.

La prima ipotesi in campo nel totonomine che si è subito scatenato indicava la senatrice Angela Finocchiaro. A questo nome però sono andati ad aggiungersi altre ipotesi, come la giovane parlamentare del Pd, Anna Ascani. Si fa anche il nome di Valentina Paris, responsabile enti locali del Pd, in segreteria con Renzi, ascritta all'area dei Giovani turchi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA