Lavori Pubblici

Nasce la Scuola di Governo del territorio

Le università, le aziende e l'eccellenza della ricerca. Sarà una rete ampia e variegata quella che, su iniziativa del Consorzio Promos Ricerche, per la prima volta mette insieme tutte e sette le Università della Campania, il Cnr e la Camera di Commercio di Napoli, per dare vita alla Scuola di Governo del Territorio.
La Scuola, che avrà sede a Napoli proprio presso il Consorzio Promos Ricerche, nasce con l'obiettivo di coinvolgere tutte le eccellenze scientifiche, accademiche ed imprenditoriali presenti sul territorio campano per stimolare sul piano nazionale progetti di ricerca, alta formazione e sviluppo occupazionale nell'ambito dei piani territoriali e urbanistici e dei programmi di sviluppo economico-territoriale.
Ricerca dunque, ma anche alta formazione per la Scuola, che avrà tra i suoi obiettivi anche l'organizzazione di nuovi percorsi di alta formazione (master, corsi di perfezionamento, ecc) sui temi urbanistici, ambientali, economico-amministrativi del governo del territorio, ma anche sulle dinamiche sociali o sugli aspetti produttivi di assoluta eccellenza. Il tutto con il coinvolgimento dei massimi esperti italiani ed internazionali, con l'obiettivo che Napoli diventi un centro nevralgico del dibattito nazionale su questi temi oltre che una meta privilegiata per studenti eccellenti e non più un porto di partenza.
Ma soprattutto, come spiega Lucio d'Alessandro, presidente del Consorzio Promos Ricerche e Rettore dell'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, "ci sarà una grande attenzione alla creazione di nuove opportunità occupazionali per i tanti laureati eccellenti delle Università campane, perché la creazione di una rete virtuosa che mette finalmente in collegamento il mondo accademico con i migliori centri di ricerca e con le più importanti aziende del territorio, può essere il miglior viatico ad una nuova progettualità, anche con vocazione europea, che sia in grado di attivare uno sviluppo economico del territorio che determini anche una importante crescita occupazionale".


© RIPRODUZIONE RISERVATA