Lavori Pubblici

Salini Impregilo vince appalto da 112 milioni per nuova strada in Nigeria

A.A.

Prevista la costruzione, in 48 mesi, di una nuova carreggiata tra il km 60 e il km 101 della strada dalla capitale Abuja al Nordovest - Nuovi contratti all'estero ma anche il rilancio della Tav in Italia

Il gruppo Salini Impregilo si aggiudica in Nigeria il contratto per il raddoppio della carreggiata della strada Suleja Minna (Fase II), che consente l'accesso dalla capitale Abuja al nord ovest. L'intervento è destinato a facilitare la mobilità nonché le potenzialità di sviluppo dell'intera regione.
Il contratto prevede la costruzione, in 48 mesi, di una nuova carreggiata tra il km 60 e il km 101 e nella completa riabilitazione dell'esistente dal km 0 al km 101. Il committente è il ministero dei lavori pubblici della Nigeria. L'importo lavori è di circa 112 milioni di euro.
«L'aggiudicazione di questo nuovo contratto - si legge in una nota dell'impresa - costituisce il raggiungimento del target già prefissato con l'aggiudicazione della Fase I, e permette al gruppo Salini Impregilo di contribuire all'attuale trasformazione della rete stradale nigeriana e di rafforzare la propria presenza sul territorio nigeriano, uno dei paesi più grandi del continente
africano».

A inizio anno Salini Impregilo ha incassato anche il rilancio delle proprie commesse in ITalia nel campo dell'alta capacità ferroviaria: l'accordo di Rfi con Cociv (Salini Impregilo 64%) per l'avvio del terzo lotto costruttivo appena finanziato (607 milioni) e con Iricav Due (Salini Impregilo al 27%) per la progettazione definitiva della Verona-Padova, finanziata per 1.959 milioni di euro.

Sul fronte estero, invece, gli ultimi contratti del gruppo sono stati in Polonia, a dicembre, per la progettazione e costruzione d'una sezione della superstrada S3 (14,4 km), per un valore di 135 milioni di euro; a novembre 2014 un progetto idroelettrico in Turchia da 260 milioni di euro (opere civili relative al principale impianto idroelettrico "Cetin" sul fiume Botan), con una quota dell'85% insieme alla società locale NTF; e sempre a novembre il contratto per la costruzione di 21,5 km della strada nazionale N° 7 che attraversa la Polonia da nord a sud unendo la città di Danzica con la città di Cracovia, per un valore di 143 milioni. In precedenza, a ottobre, il contratto aggiuntivo da 240 milioni di euro per la metropolitana di Copenhagen.


© RIPRODUZIONE RISERVATA