Lavori Pubblici

Viadotto Sicilia, «via il direttore lavori» - Intanto Cmc vince appalto in Libano

Alessandro Arona

Ciucci (Anas): «Possibile responsabilità dell'impresa nella progettazione o esecuzione», chiesta la sostituzione del direttore - Cmc, appalto da 165 milioni in Libano per condotta idrica

Il big delle costruzioni Cmc di Ravenna (Cooperativa muratori e cementisti) si è aggiudicato un appalto in Libano da 165 milioni di euro per una condotta idrica a Beirut, a conferma della vitalità dell'impresa sui mercati esteri, oltre che in Italia (Cmc ha fatturato nell'ultimo bilancio 1.015 milioni di euro, numero cinque in Italia tra le imprese di costruzione, di cui il 52% all'estero).
Ma dall'Italia continuano ad arrivare grane per la vicenda del crollo della rampa del viadotto Sorciavacche in Sicilia. Il presidente dell'Anas, Pietro Ciucci, in audizione al Senato (Commissione Lavori pubblici), ha detto che «il cedimento della rampa di accesso del viadotto di Scorciavacche in Sicilia potrebbe essere attribuito ad un errore del contraente generale in fase
progettuale o ad una non corretta esecuzione della fondazione da parte dello stesso».
Prorpio in conseguenza di questa analisi l'Anas - ha informato il Ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi - «nell'esercizio delle sue funzioni di alta sorveglianza, ha chiesto con la massima urgenza alla ditta costruttrice (il general contractor Bolognetta Scpa, controllata da Cmc, ndr) la sostituzione del direttore dei lavori del lotto della Palermo-Lercara Friddi nel quale è ricompresa la variante dove il 30 dicembre scorso si è verificato il cedimento del rilevato di accesso al viadotto Scorciavacche».
Il direttore dei lavori era stato incaricato dal contraente generale Bolognetta scpa, in base a quanto previsto dalla normativa vigente.

Più prudente il Ministro Lupi nel Question Time alla Camera il 15 gennaio: «Ieri (14 gennaio) l'Anas ha chiesto la rimozione del direttore lavori da parte del consorzio. È un primo provvedimento che dice che la strada che vogliamo percorrere è quella di verificare puntualmente le responsabilità e chi ha delle responsabilità ne deve rispondere».
«Purtroppo - ha aggiunto - a volte la realtà rischia di superare qualsiasi immaginazione». Ora occorre «intervenire rapidamente perchè non solo si accertino le responsabilità (il responsabile ovviamente deve pagare e rifondere i danni che sono stati subiti, quelli oggettivi e anche quelli in
termini di immagine), ma anche perchè queste cose non accadano proprio mel momento in cui il Governo è impegnato in un impegno enorme per la realizzazione delle infrastrutture nel nostro Paese».

Cmc, aggiudicazione in Libano
La Cmc di Ravenna ha ricevuto una lettera di aggiudicazione dal Council for Development and Reconstruction di Beirut (Libano) per la realizzazione di tunnel di lunghezza pari a circa 24 km e di un acquedotto per l'alimentazione idrica di Beirut.
L'importo dell'appalto è pari a circa 165 milioni di Euro, in parte finanziato dalla Banca Mondiale.
I tunnel saranno scavati con due Tunnel Boring Machines (TBM).
«Questa acquisizione - sostiene la coop in una nota - attesta la capacità di Cmc nel settore tecnologicamente complesso dello scavo con TBM, dove si troverà ad operare con 16 macchine nel corso del 2015, in Italia e all'estero».

Nel 2014 Cmc ha acquisito commesse per circa 1.2 miliardi di euro, di cui 750 milioni all'estero.


© RIPRODUZIONE RISERVATA