Lavori Pubblici

Viadotto crollato, riforma degli appalti per garantire più efficienza

Giorgio Santilli

Piove sul bagnato e il sistema dei lavori pubblici, già sotto i riflettori per i numerosi e gravissimi casi di corruzione, subisce un nuovo, durissimo colpo con il viadotto Anas in Sicilia inaugurato il 23 dicembre (in anticipo sui tempi) e bloccato dopo dieci giorni per un crollo interno.

Il settore potrà recuperare efficienza e credibilità solo con una riforma radicale del codice degli appalti nel senso della semplificazione, della trasparenza, della tecnologia e della certezza delle responsabilità. Il governo l'ha promessa ma, dopo averla approvata ad agosto, l'ha inviata solo a dicembre al Senato (dove ancora non è stato individuato il relatore). In attesa della riforma, ci si augura che la vicenda siciliana sia gestita in modo esemplare: che siano accertate rapidamente le responsabilità e vengano chiamati a rispondere i colpevoli, ripristinando...


© RIPRODUZIONE RISERVATA