Lavori Pubblici

Nuova commessa in Usa per Impregilo Salini: realizzerà un tunnel idrico a Cleveland

Massimo Frontera

Firmato contratto da 153 milioni di dollari, è il quinto cantiere aperto negli Usa dal gruppo italiano (che è anche il big nazionale maggiormente attivo sui mercati esteri)

Nuovo appalto di Salini Impregilo negli Stati Uniti. L'ultima commessa riguarda la realizzazione a Cleveland, Ohio, del "Dugway Storage Tunnel" destinato alla raccolta, conservazione e trattamento delle acque in modo da ridurre l'inquinamento ambientale nel lago Eire.

Salini Impregilo comunica di aver firmato un contratto di 153 milioni di dollari, pari a 123 milioni di euro per realizzare l'opera che ha una lunghezza di 4,5 chilometri e un diametro di 8 metri. Il progetto, informa la società, prevede la costruzione di sei pozzi di diametro e profondità variabili, con collegamenti tra tunnel e pozzi, oltre a una serie di strutture in calcestruzzo per la raccolta e il convogliamento delle acque.

Ad appaltare l'opera è stata la Northeast Ohio Regional Sewer District, un'agenzia pubblica responsabile della gestione degli impianti e delle infrastrutture di raccolta e trattamento operanti nella Cleveland (Ohio).

«Con questo nuovo contratto - sottolinea un comunicato della società - il gruppo si conferma leader nel settore dei lavori in sotterraneo, ribadendo l'importanza del mercato statunitense».
Il gruppo rivendica infatti di essere considerato il primo gruppo mondiale nella realizzazione di infrastrutture nel segmento acqua, in base alla classifica Engineering News Records. In particolare, nella sua storia, le imprese Salini e Impregilo hanno realizzato complessivamente 230 tra dighe e impianti idroelettrici e 1.250 km di opere in sotterraneo.

In particolare negli Usa il gruppo è attualmente impegnato in cinque cantieri, tra cui il tunnel Idraulico di Lake Mead a Las Vegas, la metropolitana di San Francisco e il nuovo ponte Gerald Desmond a Long Beach, California.

L'impresa italiana più proiettata all'estero
Dall'ultimo bilancio del gruppo, appare sempre più accentuata la propensione all'estero del gruppo. In base all'ultimo. Anzi, Salini Impregilo è l'impresa italiana in assoluto prevalente per quanto riguarda la produzione al''estero, sia in quota sia in valore assoluto. Il bilancio 2013 ha infatti evidenziato un'ulteriore crescita della produzione estera, che è passata all'83,5% rispetto dall'81% del 2012. Con l'ultima semestrale la quota estera ha fatto un ulteriore salto in avanti passando all'89%. Il fatturato del gruppo nel 2013 è stato di oltre 3,9 miliardi (in leggera contrazione rispetto ai 4,1 miliardi del 2012), con un utile netto di 48,3 milioni di euro (in notevolmente caduta rispetto ai quasi 600 milioni di euro dell'anno prima).

Il Dossier di Edilizia e Territorio con le classifiche 2014 delle prime 50 imprese di costruzioni italiane (link )
L'ultima semestrale di Salini Impregilo (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA