Lavori Pubblici

Buzzetti (Ance): «Serve uno shock e ci vogliono risorse

«Siamo fiduciosi, il provvedimento va bene perchè mette al centro l'edilizia per ripartire. Ma ci devono essere le risorse, una cospicua iniezione di investimenti pubblici per le piccole opere di manutenzione del territorio e delle città e per completare finalmente le Grandi Opere. Insomma serve una 'botta', uno 'shock' di soldi pubblici come è avvenuto negli Stati Uniti, in Giappone e in Inghilterra. Serve coraggio, quel coraggio che il premier ha annunciato e anche dimostrato di avere».

Così, con Labitalia, il presidente dell'Ance, l'associazione nazionale dei costruttori, Paolo Buzzetti, sul provvedimento Sblocca Italia che dovrebbe arrivare in consiglio dei ministri venerdì e contenere interventi per infrastrutture e opere pubbliche.

«Al di là della questione del 3% e dell'Europa -insiste Buzzetti- si deve tornare a investire, insieme alle riforme, per creare lavoro e impresa». E per Buzzetti sono necessari investimenti cospicui. «Noi avevamo stimato una cifra intorno ai 120-130 miliardi - spiega - indicando anche una tempistica: subito 5 miliardi, poi 20, poi altri 20...Di certo - ribadisce - il provvedimento deve contenere risorse, altrimenti perde di contenuto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA