Lavori Pubblici

Antimafia, sequestro da 25 milioni a Trapani al vicepresidente regionale Ance

Beni per 25 milioni di euro sono stati sequestrati in base alla legge antimafia all'imprenditore
edile trapnaese Pietro Funaro, 53 anni, vicepresidente dell'Ance Sicilia,e a suo padre Domenico Funaro, 84 anni. Il provvedimento, emesso dal Tribunale di Trapani su proposta del questore, é stato eseguito dalla polizia e dalla Guardia di finanza a Trapani e in provincia a Campobello di Mazara, Santa Ninfa, Alcamo e Castellammare del Golfo, ma anche a Santa Venerina (Catania). Secondo quanto emerso dalle indagini, che si sono avvalse delle dichiazioni di vari collaboratori di giustizia, i due Funaro facevano parte di un comitato d'affari per la gestione illecita degli appalti, che controllava le gare attraverso attività di turbativa d'asta, falso e corruzione, relative al controllo occulto delle gare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA