Lavori Pubblici

Doppio colpo di Astaldi con le banche: fondi per metrò 5 e autostrada in Turchia

A.A.

Il Cda di Cassa depositi ha concesso un finanziamento di 123 milioni di euro per il progetto della metropolitana 5 di Milano, mentre in Turchia è arrivato il closing da 600 milioni di dollari

Il Cda di Cassa depositi ha concesso un finanziamento di 123 milioni di euro per il progetto della metropolitana 5 di Milano, mentre in Turchia è arrivato il closing da 600 milioni di dollari. In entrambi i casi si tratta di opere in project financing che vedono la romana Astaldi come capofila.

METRO' 5 MILANO
Il Consiglio di amministrazione di Cassa depositi e prestiti, nella seduta del 30 luglio, ha deliberato la concessione di un finanziamento fino a 123 milioni di euro in favore della linea 5 della Metropolitana di Milano, che si estende su un tracciato di 12,6 km nell'area nord – ovest della città. L'opera rientra nell'elenco delle infrastrutture strategiche del CIPE (delibera 121/ dicembre 2001), nonché fra le opere strategiche per la mobilità comprese nel piano infrastrutturale legato alla realizzazione dell'EXPO 2015. L'infrastruttura, in gran parte già in funzione sin dal marzo 2014, si prevede sarà completata entro il mese di ottobre 2015.

AUTOSTRADA IN TURCHIA
Astaldi comunica che è stato firmato il contratto di finanziamento pari a 600 milioni di USD per la realizzazione e successiva gestione in regime di concessione del secondo lotto funzionale (Fase 2A) dell'Autostrada Gebze - Orhangazi - Izmir, in Turchia. Nel complesso, l'iniziativa comporta un investimento totale pari a 6,5 miliardi di USD, di cui 3,4 miliardi di USD ad oggi interamente finanziati.
La Fase 2A dell'opera comprende la costruzione di una seconda tratta funzionale (25 chilometri, lungo il tracciato Orhangazi – Bursa). Il valore del relativo contratto EPC ammonta a 450 milioni di USD e le opere saranno eseguite dalla Astaldi in raggruppamento con altre cinque imprese turche (Astaldi al 17,5%).
Concluso a valle della fase di avvio dell'opera, il finanziamento della Fase 2A sarà interamente a carico del pool di banche finanziatrici e, pertanto, determina per l'iniziativa un rapporto Debt/Equity che si riequilibra a 60/40 (da 50/50 iniziale).
È utile ricordare che nel suo complesso il contratto in concessione prevede la realizzazione con la formula BOT (Build - Operate - Transfer) di una nuova tratta autostradale e relativi collegamenti, per un totale di oltre 400 chilometri, da completare in 7 anni. L'opera sarà realizzata in lotti funzionali separati: oltre alla Fase 2A, sono infatti previste una Fase 1 (53 chilometri, tratta Gebze - Orhangazi, incluso il Ponte sulla Baia di Izmit), del valore di 2,8 miliardi di USD già finanziata a marzo 2013 e che attualmente è in fase di realizzazione, e una fase 2B (301 chilometri, tratta Bursa - Izmir), il cui finanziamento è atteso entro il 2015. Una volta completata, l'opera garantirà il collegamento tra le città di Gebze (vicino Istanbul) e Izmir (sulla costa egea), dimezzando gli attuali tempi di percorrenza in auto, oggi superiori alle otto ore.
L'iniziativa prevede una durata della concessione pari a 22 anni e 4 mesi, con ricavi da pedaggi per complessivi 24 miliardi di USD – di cui circa 11 miliardi di USD (ovvero 540 milioni di USD all'anno), riferiti alla sola Fase 1 (che verrà messa in gestione al completamento dei lavori di costruzione, previsto per il 2015), ai quali si aggiungono 400 milioni di USD relativi alla Fase 2A.

Astaldi è presente in Turchia dagli anni '80. Ha già realizzato una tratta rilevante dell'Autostrada dell'Anatolia (116 chilometri, tra Gumusova e Gerede), oltre che la Metropolitana di Istanbul (26 chilometri e 16 stazioni) inaugurata ad agosto 2012, il nuovo Terminal Internazionale dell'Aeroporto di Milas-Bodrum, operativo da maggio 2012 e di cui curerà la gestione fino al 2015, e il Ponte sul Corno d'Oro (Haliç Bridge) inaugurato a marzo 2014. Ad oggi, è presente nel Paese con il progetto per la realizzazione e successiva gestione del Terzo Ponte sul Bosforo (il più largo al mondo, attualmente in fase di costruzione) ed è impegnato nella finalizzazione del contratto di finanziamento del contratto in concessione relativo al Campus sanitario di Etlik ad Ankara, il più grande oggi in costruzione in Europa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA