Lavori Pubblici

Expo, passa a Italferr (gruppo Fs) il coordinamento dei lavori

G. Sa.

Triglia: preferito un soggetto con una lunga esperienza nella gestione di cantieri, i tempi previsti saranno rispettati

Italferr subentra nella Alta sorveglianza e nella direzione lavori di tutti gli appalti di Expo 2015: il commissario unico Giuseppe Sala, d'intesa con il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, ha optato alla fine per l'assegnazione del delicatissimo incarico alla società di ingegneria del gruppo Fs, anziché, come si era ipotizzato in un primo momento, a un suo manager con un incarico di tipo personale. «Si è ritenuto - racconta l'amministratore delegato di Italferr, Matteo Triglia - che a un affidamento al singolo soggetto fosse preferibile l'assegnazione dell'incarico a una struttura organizzata che ha una lunga esperienza nella gestione di cantieri con una molteplicità di lavori».
La società non ha ancora formalizzato il contratto, che dovrebbe arrivare a giorni, ma è già al lavoro dal 14 luglio «in affiancamento» alla vecchia direzione lavori. Tra gli incarichi a Italferr ci sarà il coordinamento delle direzioni lavori presenti sul sito, ma anche l'istituzione di nuovi uffici di direzione lavori, anche con subentro a direzioni lavori già in essere.

Triglia ha piena fiducia che i lavori saranno terminati nei tempi previsti. «Non si tratta di un'opera che potrebbe non chiudersi nei tempi fissati. Questa possibilità non c'è proprio. Se abbiamo preso l'incarico è perché siamo convinti che i tempi si possano rispettare». Inutile nascondere che una parte delle criticità operative nascono dalle inchieste della magistratura che hanno scoperchiato casi di corruzione all'interno del sistema degli appalti Expo. «Abbiamo fatto una ricognizione puntuale dello stato dell'arte - conferma Triglia - e confermo che ci sono i tempi per chiudere alle scadenze previste. Ovviamente noi siamo certi di fare la nostra nel rispetto dei tempi previsti, ma tutti i soggetti coinvolti dovranno fare la loro».
Nell'ambito del mandato Italferr dovrà supportare la stazione appaltante e il responsabile unico del procedimento individuato da Expo, sotto il profilo tecnico, giuridico e amministrativo, assicurando che le opere vengano realizzate entro i tempi e nel rispetto delle disposizioni di legge.

«L'incarico - dice ancora Triglia - è motivo di grande orgoglio per il gruppo Fs. Le difficoltà dell'incarico per Expo nascono soprattutto dalla molteplicità di appalti e dalla sovrapposizione nello stesso luogo delle maestranze a essi collegati. Però dal punto di vista ingegneristico siamo abituati a gestire, in Italia e nel mondo, lavori di ben altra complessità».
L'importo del contratto non è stato ancora fissato. Sarà definito un tetto massimo e saranno poi pagate a Italferr le prestazioni effettivamente svolte.


© RIPRODUZIONE RISERVATA