Lavori Pubblici

Incontro Padoan-Lupi: incentivi ai privati per realizzare le grandi opere

La missione "finanza per la crescita" si potenzia con un ulteriore pilastro: le misure volte al finanziamento delle infrastrutture, volano fondamentale per favorire la crescita e creare occupazione, e indispensabile per modernizzare il Paese.

È quanto riferisce un comunicato del Mef che dà notizia dell'incontro tra il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, e il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Maurizio Lupi. I due ministri, con i rispettivi staff, si sono incontrati al Mef «per mettere a punto una strategia complessiva con l'obiettivo di individuare le modalità per allocare le risorse pubbliche e favorire la mobilitazione di risorse private. Sono stati discussi strumenti finanziari innovativi volti a produrre un effetto leva su capitali privati, anche esteri, attraverso le risorse pubbliche». «L'iniziativa - recita il comunicato - si aggiunge alla collaborazione già avviata con il Ministero dello Sviluppo Economico, che ha consentito di inserire nel ‘decreto competitività' importanti misure per il finanziamento e la capitalizzazione delle imprese. Le misure per rilanciare gli investimenti infrastrutturali saranno adottate nel breve termine, anche attraverso lo strumento del decreto legge, e nel medio termine con interventi da varare entro la fine dell'anno.

Dell'incavo dell'incontro è stato costituito un gruppo di lavoro congiunto con il compito di definire soluzioni operative, ascoltando anche gli operatori del settore. L'attenzione sarà concentrata sia sulle grandi opere, come la realizzazione dell'alta velocità ferroviaria sulla tratta Bari-Napoli, sia sulle piccole opere più vicine alle realtà territoriali, che sono state segnalate dai sindaci al governo. Un altro aspetto che sarà affrontato riguarda il superamento dei ‘colli di bottiglia' normativi e regolamentari.

Soddisfazione è stata espressa dal ministro Padoan che ha sottolineato la necessità di «sviluppare lo strumento dei project bond e il partenariato pubblico-privato con proposte precise di semplificazione e defiscalizzazione». Il Ministro dell'economia ha quindi posto l'accento sull'«orizzonte europeo della finanza per la crescita, che è una delle priorità del semestre di presidenza della Ue».

Da parte sua il ministro Lupi ha posto l'accento sull'importanza di «lavorare insieme, Presidenza del Consiglio, Ministero dell'Economia e Ministero delle Infrastrutture su tre piani: strumenti finanziari, investimenti in infrastrutture e semplificazione/sburocratizzazione per sbloccare opere strategiche per il Paese per favorire la crescita».


© RIPRODUZIONE RISERVATA