Lavori Pubblici

Mose, il Consorzio difende l'opera

Il Consorzio Venezia Nuova torna a ribadire come il Mose sia la vittima del sistema corruttivo che
è al centro dell'inchiesta avviata sulla sua realizzazione dalla magistratura veneziana.
In un lunghissimo comunicato Cvn spiega come "la corruzione è stata costruita sul Mose".
"Non è pensabile, infatti, che dopo 50 anni di confronti aspri, dibattiti pubblici, sperimentazioni, progetti e contro-progetti - rileva il Cvn - si possa essere arrivati quasi alla conclusione di un'opera pubblica di ingegneria, tra le più grandi che l'umanità abbia mai concepito, nella più totale illegittimità, inconsapevolezza e spregiudicatezza giuridica e ingegneristica, tanto da permettere, nel 2003, l'avvio dei suoi lavori, oggi completati per oltre l'85%". "Mentre la conclusione degli interventi sull'ambiente lagunare stanno lì a dimostrare che erano tutte false le ipotesi catastrofiste - sottolinea -, sono tornati perfino i fenicotteri rosa a indicare un ritrovato equilibrio dell'ecosistema. E del resto come non vedere i risultati di alta ingegneria raggiunti in questi anni".
Il Cvn "è consapevole della gravità devastante, per l'immagine dell'opera di grande ingegneria che lo Stato ha quasi ormai completato per la salvaguardia di Venezia e della sua laguna, dei fatti oggetto di indagine da parte della Magistratura, alla quale confermiamo la nostra totale fiducia e
collaborazione, e pertanto ritiene necessaria una corretta informazione ai cittadini nel tentativo, probabilmente vano, di richiamare tutti ad una maggiore onestà intellettuale ricordando - conclude il Cvn - come la vicenda giudiziaria rivela non è dunque il Mose il frutto degli obiettivi deviati dei singoli individui perché purtroppo è il Mose, orgoglio della tecnologia e dell'imprenditoria italiana, ad essere stato macchiato dalla malattia mortale della corruzione". Infine il Cvn ribadisce che il rapporto concessorio tra il Consorzio e il ministero delle Infrastrutture-Magistrato alle Acque di Venezia è legittimo,"lo dicono le leggi, l'Unione Europea, la Corte dei Conti, il Consiglio di Stato, l'Avvocatura dello Stato il Tar Veneto".


© RIPRODUZIONE RISERVATA