Lavori Pubblici

Project financing, ospedale da 236 milioni per il gruppo Astaldi in Cile

Mau.S.

La struttura nascerà a Santiago del Cile con 523 posti letto. La concessione durerà 20 anni. In Italia l'impresa romana gestisce già quattro ospedali (Mestre, Pistoia, Prato e Lucca)

Nuovo colpo all'estero nelle concessioni per Astaldi. Il gruppo di costruzioni romano si è aggiudicato il contratto di concessione per la realizzazione e la successiva gestione del nuovo Ospedale Metropolitano Occidente di Santiago in Cile. L'investimento complessivo è pari a 236 milioni, di cui 151 milioni per le attività di costruzione.

Il contratto - informa una nota della società - prevede la progettazione, il finanziamento, la costruzione, nonché la gestione dei servizi commerciali e non medicali, di una struttura ospedaliera che si svilupperà su 10 piani, per un totale di 523 posti letto, 599 posti auto, 120.000 mq di superficie. È inoltre prevista la fornitura e la manutenzione delle apparecchiature elettromedicali e degli arredi.

La durata della concessione è prevista pari a circa 20 anni, con 52 mesi per la fase di costruzione e 15 anni per la gestione. Le attività di progettazione saranno avviate a breve e l'inserimento dell'ordine in portafoglio avverrà a valle del relativo financial closing, atteso entro il 2014.
Commissionata dal Ministero dei Lavori Pubblici cileno, l'opera sarà finanziata da capitali privati e l'investimento effettuato sarà ripagato da 500 milioni di euro circa di ricavi complessivi da gestione, garantiti per il 95% sotto forma di canoni di disponibilità.

Astaldi è già presente in Cile dal 2008 nel settore delle oncessioni, in cui opera nel comparto idroelettrico – è socio al 27,3% della Concessionaria che ha realizzato e oggi gestisce l'Impianto Idroelettrico di Chacayes (111MW) – e nel comparto minerario – ha oggi in gestione un impianto per il recupero di rame e molibdeno (Progetto Relaves). Nel Settore costruzioni, è attivo nel comparto minerario, con le opere in corso per la espansione sotterranea della Miniera Chuquicamata della Codelco.

La società romana ha maturato esperienza anche in Italia nel settore del project financing ospedaliero. Ha realizzato a Mestre l'Ospedale dell'Angelo (680 posti letto, 260.000mq), che gestisce dal 2008. Oltre all'ospedale di Mestre, l'impresa gestisce i servizi commerciali e non sanitari degli ospedali di Prato, Pistoia e Lucca per un totale di circa 2.300 posti letto ed è impegnata nella realizzazione delle strutture di Massa-Carrara e Napoli, per un totale di circa ulteriori 900 posti letto. All'estero Astaldi realizzerà e gestirà in Turchia, in regime di concessione, il Campus Sanitario di Etlik ad Ankara (3.500 posti letto), «la più grande struttura sanitaria oggi in costruzione in Europa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA