Lavori Pubblici

Serracchiani: «Erogati 24,7 milioni per la terza corsia della A4»

Su «istanza di prelievo» formulata dal commissario straordinario per la terza corsia, Debora Serracchiani, è stata erogata la prima tranche finanziaria (24,782 milioni di euro) dei 30 milioni di euro inseriti nella Legge di stabilità per la terza corsia della A4 Venezia-Trieste. «È un ulteriore, non trascurabile, tassello per il completamento della «nuova A4», ha sottolineato il commissario, e presidente del Friuli Venezia Giulia, Serracchiani. La notizia, diffusa il 28 maggio, rappresenta «un passo avanti significativo per la realizzazione dell'opera«, ha indicato la stessa presidente Serracchiani; «un'infrastruttura la cui valenza va bene al di là del nostro territorio - ha evidenziato l'ad della concessionaria, Maurizio Castagna - perché parliamo dell'ampliamento di un asse autostradale inserito all'interno del Corridoio Mediterraneo il cui completamento é strategico per lo sviluppo dei traffici a livello europeo/subalpino verso i mercati dell'Est«. Molto soddisfatto anche il presidente della società Emilio Terpin, da sempre convinto della fattibilità dell'intervento. Il risultato è frutto, osserva, di un intenso lavoro che Debora Serracchiani, nella sua duplice veste di presidente della Regione Friuli Venezia Giulia e di commissario straordinario, ha avviato fin dall'inizio del suo mandato, facendosi interprete, a Roma, dell'importanza del completamento dell'asse viario, per migliorare la mobilità e la sicurezza dell'infrastruttura.

Un impegno certamente importante che ha già consentito di ottenere, nel luglio del 2013, nell'ambito del «decreto del Fare», un comma che individua come prioritarie cinque opere, tra cui la terza corsia dell'A4. Successivamente, nella Legge di Stabilità 2014, è stato inserito un emendamento riguardante una posta complessiva di 130 milioni di euro (30 milioni di euro nel 2014 e 100 nel 2015) per la realizzazione della terza corsia e, in ultimo, è stata estesa la durata del contratto di finanziamento per 150 milioni di euro con la Cassa depositi e prestiti fino al 31 marzo 2017.

«Anche se attraversiamo, come Regione Friuli Venezia Giulia e sistema Paese, momenti non facili dal punto di vista economico e finanziario - ha dichiarato Serracchiani - continuiamo a lavorare con pazienza, tenacia, determinazione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA