Lavori Pubblici

Ponti e strade, Lupi firma il decreto da 350 milioni: 193 bandi in arrivo

A.A.

Parte la seconda tranche del «Programma di manutenzione straordinaria di ponti, gallerie e interventi mirati alla sicurezza del piano viabile», finanziata dalla legge di Stabilità 2014

Via libera del Ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi alla seconda tranche del «Programma di manutenzione straordinaria di ponti, gallerie e interventi mirati alla sicurezza del piano viabile», rifinanziato dalla legge di Stabilità 2014: si tratta di 193 interventi per un valore di 350 milioni di euro (risorse interamente derivanti, appunto, dalla legge di stabilità), i cui bandi di lavori saranno pubblicati nelle prossime settimane (per un importo medio di 1,8 milioni di euro).

Il primo programma di manutenzioni straordinarie di ponti, viadotti e gallerie Anas era previsto dall'articolo 18 comma 2 del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69 (Dl Fare, convertito con la legge 9 agosto 2013, n. 98), e i fondi (300 milioni di euro) furono assegnati con il decreto ministeriale Lupi-Saccomanni n. 268 del 18 luglio; il programma Anas è stato poi reso operativo con la convenzione firmata con il Ministero delle Infrastrutture il 29 luglio. Da agosto l'Anas ha cominciato a pubblicare i bandi. Il Dm 268 prevedeva l'obbligo, pena la revoca dei fondi, di pubblicare tutti i bandi di gara entro il 31 otrtobre 2013, e di agiudicarne almeno il 70% entro il 31 dicembre prossimo. Obiettivi centrati, e ad oggi tutte le gare risultano aggiudicate e la maggior parte in realizzazione.

L'ammontare complessivo del secondo Programma è di 350 milioni di euro, finanziato dalla legge di Stabilità 2014 (nella tabella E). Il decreto firmato il 22 maggio da Lupi prevede con i 350 milioni la realizzazione di 193 opere (per un importo medio di 1,8 milioni di euro), «opere immediatamente cantierabili» (specifica il Ministero delle Infrastrutture) su ponti, viadotti e messa in sicurezza delle gallerie, nonché il ripristino della viabilità sulle strade interessate dall'alluvione del novembre 2013 in Sardegna.
Ulteriori 47 interventi saranno finanziati con le economie derivanti dai ribassi d'asta delle opere già cantierabili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA