Lavori Pubblici

L'impresa Maltauro si autosospende da Confindustria Vicenza

L'impresa Maltauro, al centro delle inchieste sugli appalti dell'Expo 2015, si è autosospesa da Confindustria Vicenza. La decisione segue una dichiarazione del presidente dell'associazione degli industriali vicentini molto dura sulla questione.
Il presidente di Confindustria Vicenza, Giuseppe Zigliotto, si legge in una nota «ritiene gravissimi i fatti di questi giorni, soprattutto perché riguardano un imprenditore già coinvolto oltre vent'anni fa in fatti analoghi». La magistratura inquirente ha infatti adottato provvedimenti giudiziari anche nei confronti dell'imprenditore vicentino Enrico Maltauro.

L'azienda, a seguito di un incontro con il presidente Zigliotto, ha ufficializzato la propria autosospensione dal rapporto associativo, accolta dal presidente Zigliotto.

«Non possiamo accettare - ha detto Zigliotto - che questi fatti possano ancora avvenire e dall'azienda, oltre all'assoluta condanna, ci aspettiamo decise azioni. Da parte nostra valuteremo se dotarci di modifiche statutarie che rendano ancora più incisivo il ruolo che l'Associazione può svolgere per evitare che casi analoghi possano ripetersi in futuro».

Nella consapevolezza che i fatti accaduti potranno avere nel prossimo futuro ripercussioni anche gravi sull'attività dell'impresa, si è ritenuto opportuno non togliere all'azienda la possibilità di utilizzare i normali servizi di assistenza forniti dall'Associazione alle aziende associate.

«L'autosospensione - riferisce sempre una nota di Confindustria Vicenza - sarà annullata nel momento in cui saranno fornite da parte della proprietà assicurazioni sull'adozione di nuovi indirizzi operativi in grado di evitare con assoluta certezza che possano ripetersi fatti come quelli accertati dalle indagini».


© RIPRODUZIONE RISERVATA