Lavori Pubblici

Brennero, a Strabag-Salini il lotto Tulfes-Pfons da 380 milioni di euro

Alessandro Arona

L'austriaca capogruppo con il 51%, gara di lavori su progetto esecutivo aggiudicata al massimo ribasso - Avviati a fine 2013 i lavori per il lotto costruttivo Wolf 2

Salini Impregilo, in raggruppamento con l'austriaca Strabag (capogruppo con il 51%) ha ricevuto il 7 aprile, in occasione dell'apertura delle offerte, l'aggiudicazione del lotto principale Tulfes-Pfons in Austria del progetto della Galleria di Base del Brennero. L'opera appartiene ad uno dei principali tratti del Trans European Networks (TEN).
La gara Bbt (Brenner Basis Tunnel, la società italo-austriaca che ha il compito di stazione apalltante dell'intera opera), pubblicata il 27 settembre 2013 e con scadenza per le offerte il 19 dicembre scorso, aveva una base d'asta di 460 milioni di euro, con progetto esecutivo a base di gara e incarico di soli lavori per l'impresa appaltatrice; procedura aperta e aggiudicazione al massimo ribasso.
Il valore di aggiudicazione è di 380 milioni di euro e la quota di partecipazione di Salini Impregilo nel raggruppamento è del 49%.

Il lotto "Tulfes - Pfons" consisterà essenzialmente nell'esecuzione delle opere civili in sotterraneo per un tratto del cunicolo esplorativo, per il cunicolo di soccorso della circonvallazione di Innsbruck e per due gallerie di interconnessione. Complessivamente saranno realizzati 38 km di gallerie.
L'inizio programmato dei lavori è previsto nella seconda metà dell'anno in corso e la loro durata è di 55 mesi.

IL PROGETTO BRENNERO
La Galleria di Base del Brennero è una galleria ferroviaria in piano che collegherà Fortezza (Italia) a Innsbruck (Austria), che da sola raggiunge una lunghezza di 55 km: una volta completata rappresenterà il collegamento ferroviario sotterraneo più lungo del mondo.
In prossimità di Innsbruck, la galleria si interconnetterà con la circonvallazione ferroviaria esistente ed assumerà, di conseguenza, un'estensione totale di 64 km, divenendo così il collegamento sotterraneo più lungo al mondo.

Principalmente, la galleria di base servirà il trasporto merci, favorendo lo spostamento del traffico pesante dalla strada alla rotaia. Tuttavia, la galleria potrà essere utilizzata anche per il trasporto passeggeri. Grazie all'abbattimento quasi totale delle pendenze (la pendenza longitudinale infatti è compresa tra il 4‰ e il 6,7‰), i treni in transito non dovranno affrontare più le impegnative salite e discese della linea esistente, risalente al 1867.

COSTI E COPERTURE
Il costo complessivo del progetto è din 9.730 milioni di euro, da ripartire al 50% tra Italia e Austria in base al trattato internazionale (ma una quota tra il 30 e il 40%, da definire, sarà finanziata dall'Unione europea nell'ambito dei fondi 2014-2020 per le reti Ten-T).
Attualmente le risorse messe a disposizione dall'Italia (su un totale a suo carico di 4.865 milioni, che scenderanno almeno a 3.400 milioni con una quota Ue al 30%) ammontano a circa un miliardo di euro, a cui dovrebbero aggiungersi circa 500 milioni che dal 1997 la società autostradale Autobrebnnero accantona dai pedaggi autostradali per finanziare la ferrovia, ma il cui destino è legato alla gara, bloccata di recente dal Consiglio di Stato, per riaffidare la concessione scaduta.

APPALTI E LAVORI, LA SITUAZIONE
I lavori per i cunicoli pilota sono stati avviati nel 2007, quelli per le tratte principali del tunnel dal 2013, con l'avvio nel novembre scorso del lotto costruttivo di prospezione "Wolf 2 ", 103 milioni il valore di aggiudicazione, vinto dall'impresa austriaca Swietelsky BaugesellSchaft m.b.H.
Le prime vere tratte del tunnel sono comunque quelle ora in aggiudicazione. Oltre al tratto Tulfes-Pfons da 380 milioni vinto da Strabag-Salini il lotto "Sottoattraversamento del fiume Isarco" a Fortezza, in provincia di Bolzano (base d'asta 365 milioni, in aggiudicazione).

Bbt conta di poter appaltare all'inizio del 2015 i più bandi del maxi-lotto Mules, per un totale di 1,2 miliardi di euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA