Lavori Pubblici

Campania, via libera Ue ai 217 milioni per il disinquinamento del fiume Sarno

Francesco Nariello

Approvato il «grande progetto» (finanziato dall'Unione al 70% nell'ambito dei programmi 2007-2013) per ristabilire l'assetto idrogeologico del bacino - Gare d'appalto a breve

Via libera al grande progetto per la messa in sicurezza del fiume Sarno. Èstato approvato dalla Commissione europea il 12 febbraio l'intervento da oltre 217 milioni, cofinanziati con fondi Por Fesr 2007-2013, che prevede la riqualificazione del corso d'acqua campano e dei suoi affluenti, con l'obiettivo di mitigare il rischio idrogeologico sul territorio. L'ok di Bruxelles apre la strada all'avvio delle gare per appaltare i lavori.

Nel dettaglio, l'intervento - da 217,5 milioni di cui 150,6 milioni (circa il 70%) finanziati dalla Ue - prevede che venga realizzato, nel letto del fiume e in quelli dei suoi maggiori affluenti, lungo le rive e nelle aree adiacenti, un sistema idraulico che dovrà ridurre significativamente il rischio di inondazioni. Tra i lavori previsti, nel dettaglio, ci sono la riabilitazione delle sponde del fiume Sarno e della rete di canali, con costruzione di un secondo sbocco, la realizzazione di opere idrauliche, la costruzione e l'adeguamento dei serbatoi di accumulo e di aree per il controllo inondazioni, interventi di monitoraggio e protezione civile.
Il progetto, si ricorda in una nota della Commissione europea, «punta a garantire la salute e la sicurezza a lungo termine delle 900mila persone che abitano nella zona e sono state ripetutamente colpite da alluvioni negli ultimi vent'anni, con vittime e perdite economiche».
È prevista la creazione di 240 posti di lavoro, mentre le opere - per evitare il disimpegno dei fondi comunitari relativi alla programmazione 2007-13 - dovranno essere ultimate entro giugno del prossimo anno.

«Il via libera definitivo - sottolinea Edoardo Cosenza, assessore alle Opere e ai Lavori pubblici della Campania, con delega al coordinamento strategico dei Grandi progetti - è giunto al termine di una lunga e approfondita valutazione positiva degli organismi europei competenti. In particolare, la Commissione ‘Concorrenza' ha ritenuto che ci fossero le condizioni economiche per finanziare completamente il Grande progetto, senza supporto di fondi privati».

Con l'ok di Bruxelles, l'Arcadis, soggetto attuatore, «potrà dare avvio alle gare per gli interventi - aggiunge Cosenza - e proseguire nell'azione complessiva di disinquinamento del fiume, che sta già realizzando anche con altre azioni parallele e complementari».
In totale, precisa infatti l'assessore, «ci sono ancora circa 190 milioni di euro per il disinquinamento del fiume», mentre ammontano a 37 milioni le risorse recentemente sbloccate dalla Regione Campania (con la delibera per l'accelerazione della spesa dei fondi Ue) per i lavori di completamento della rete fognaria e dei collettori di alcuni comuni dell'area (Scafati, Calvanico, Boscoreale, Siano), con soggetto attuatore sempre Arcadis.


© RIPRODUZIONE RISERVATA