Lavori Pubblici

Costituita la società di progetto per realizzare la Fano-Grosseto

È stata costituita ieri presso il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti la nuova società di progetto per la realizzazione della Fano-Grosseto che vede la partecipazione al 50% delle tre regioni coinvolte e al 50% dell'Anas.
Lo riferisce una nota dopo che il presidente della regione Marche, Gian Mario Spacca, quelli della della Toscana, Enrico Rossi, e dell'Umbria, Catiuscia Marini, hanno incontrato a Roma il sottosegretario, Rocco Girlanda, assistito dal capo della Struttura tecnica di missione del Mit, Ercole Incalza.
Le figure apicali della società - che sarà operativa entro l'estate, quando verrà presentato il progetto - saranno condivise tra ministero, Anas e regioni.
«Un incontro importante per la concretizzazione della Società di progetto», sottolinea il presidente marchigiano, Spacca. «Il fattore tempo - aggiunge - è oggi più che mai decisivo per questa infrastruttura già inserita, su impulso delle regioni interessate e del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, nella rete transeuropea Ten-T».

Per il capo della giunta marchigiana, inoltre, «la presidenza italiana dell'Unione europea, nel secondo semestre dell'anno, rappresenta in tal senso uno slot straordinario per il completamento della Fano-Grosseto, inserita dalla Ue nelle proprie reti prioritarie in virtù del suo ruolo di ponte tra Spagna e Balcani. L'impulso dato alla nascita della Società, quindi, è di particolare importanza. La decisione di una partecipazione al 50% Regioni-Anas per la Società pubblica è
inoltre una scelta di equilibrio per questo grande progetto», conclude Spacca.


© RIPRODUZIONE RISERVATA