Lavori Pubblici

Oman, contratto Italferr da 26 milioni per progettare la ferrovia del sultanato

Italferr si aggiudica un contratto da 26 milioni di Euro per la progettazione preliminare della nuova rete ferroviaria del Sultanato dell'Oman (2.244 km).
La società di ingegneria del Gruppo FS Italiane diventa protagonista di quello che è considerato da più parti come il progetto più importante avviato in Oman, sia per l'impatto sul Paese sia per la rilevanza strategica attribuita.
È l'ennesimo successo internazionale di Italferr, che consolida in questo modo la sua leadership in Medio Oriente.

Il contratto è stato firmato a Muscat, presso il Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni dell'Oman, alla presenza del Ministro e dell'Ambasciatore italiano in Oman.
Nell'ambito del progetto, è previsto un percorso formativo per 10 giovani ingegneri omaniti che, in collaborazione con la facoltà di ingegneria dell'Università La Sapienza di Roma, acquisiranno da Italferr know how tecnico.
Questa nuova acquisizione segue l'altra, altrettanto importante, del luglio 2013 relativa alla progettazione della nuova linea ferroviaria tra Riyadh e Jeddah in Arabia Saudita, il cosiddetto Saudi Landbridge: circa 1.000 km per un importo di circa 27 milioni di Euro.

«L'attività portata avanti negli ultimi due anni da Italferr nell'Area del Golfo - scrive Fs in un comunicato - sta evidenziando l'alto livello qualitativo dell'ingegneria ferroviaria Italiana e sta confermando la leadership della società del Gruppo FS Italiane in Middle East nella progettazione delle reti ferroviarie e metropolitane. Italferr è coinvolta, infatti, anche nelle progettazione della linea rossa della nuova metropolitana di Doha, in Qatar. Per queste attività, molti ingegneri italiani sono al lavoro presso le sedi di Riyadh, Muscat e Doha. Italferr sta investendo molto su tali risorse, offrendo loro ruoli primari in un contesto internazionale di grande prestigio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA