Lavori Pubblici

Tajani: costruzioni «verdi» settore chiave per lo sviluppo in Europa

Giuseppe Latour

Venticinque miliardi di euro saranno convogliati sulla Banca europea per gli investimenti (Bei) per sostenere l'efficientamento e la realizzazione di edilizia residenziale sociale

Anche le costruzioni sono tra i settori chiave individuati dalla comunicazione della Commissione europea, presentata mercoledì mattina dal vicepresidente con delega all'Industria Antonio Tajani. Parlando di edilizia, è questa la novità più importante annunciata nel quadro del nuovo progetto per lo sviluppo dell'economia comunitaria, in vista del prossimo vertice europeo di marzo.
Tra i sei settori definiti prioritari dalla comunicazione vengono inserite anche le costruzioni verdi. A loro sono destinate parecchie risorse nei prossimi anni: esattamente 25 miliardi di euro, che saranno convogliati sulla Banca europea per gli investimenti (Bei), allo scopo di sostenere l'efficientamento e la realizzazione di edilizia residenziale sociale. Si tratta di un pezzo fondamentale delle risorse fresche messe sul piatto dalla Commissione. Complessivamente, infatti, la richiesta dell'esecutivo Ue prevede di mettere in campo cento miliardi di euro nel periodo 2014-2020 nell'ambito dei fondi regionali e 40 miliardi di euro nel quadro di Horizon 2020, l'ottavo programma quadro.

«L'Europa è ancora lontana dal target del 20% del prodotto interno lordo ottenuto tramite la manifattura entro il 2020. Per questo motivo la competitività industriale deve essere il cuore dell'agenda del Consiglio europeo di marzo», ha spiegato Tajani. «Con l'iniziativa di oggi la Commissione manda un segnale chiaro che una reindustrializzazione e modernizzazione della nostra economia è essenziale se vogliamo creare nuovi posti di lavoro. Abbiamo bisogno di un forte impegno a livello nazionale ed europeo per assicurare la promozione di tutti gli strumenti a nostra disposizione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA