Lavori Pubblici

Contratti d'area e patti territoriali, dal 15 gennaio presentazione (on line) dei progetti

M. Fr.

Si è aperto il 15 gennaio il termine per presentare - per via telematica - i progetti infrastrutturali da finanziare. Il termine si chiude il prossimo 31 maggio

Ci sono quattro mesi e mezzo di tempo per presentare - esclusivamente on line - i progetti infrastrutturali relativi alle rimodulazioni dei Patti Territoriali e Contratti d'Area.

Come preannunciato all'inizio dello scorso mese di dicembre (si veda articolo a questo link ), il ministero per lo Sviluppo Economico ha comunicato le modalità per la presentazione dei progetti da finanziare. Lo ha fatto con una circolare diffusa il 14 gennaio, cioè un giorno prima dell'apertura del termine. La finestra temporale che si è aperta il 15 gennaio si chiuderà il 31 maggio prossimo. L'adempimento è a carico dei "soggetti responsabili" di patti territoriali e contratti d'area.

La novità è che la presentazione dovrà avvenire per via telematica. «I progetti infrastrutturali - si legge infatti nella circolare 1352/2014 diffusa dal Mise (link ) - dovranno essere presentati unicamente "on line"». Il progetto da finanziare va inserito dal soggetto responsabile compilando una schermata accessibile dal sito del Mise (link ). Prima però occorre chiedere le credenziali di accesso (username e password) inviando una mail al seguente indirizzo: iai.infrastrutture@mise.gov.it. Dopo aver ricevuto la password di accesso diventa possibile compilare la scheda tecnica del progetto, seguendo le indicazioni.

Al termine della procedura il medesimo proponente dovrà tuttavia trasmettere una documentazione cartacea, che include la scheda tecnica compilata on line, ma anche tutta la seguente documentazione sul progetto: «due copie cartacee del progetto definitivo o di documento progettuale equivalente, debitamente firmate, e una copia digitale esclusivamente in formato pdf su opportuno supporto (CD, DVD, Pen Drive o altro)». Il plico va inviato al Mise - Direzione generale per l'Incentivazione delle attività imprenditoriali, Divisione VII, Via Giorgione, 2b - 00147 - Roma. La lettera deve essere firmata dal soggetto responsabile o dal responsabile unico del progetto e deve contenere le seguenti informazioni: «estremi del decreto di autorizzazione alla rimodulazione (numero e data del D.M.); importo autorizzato; numero dei progetti proposti; importo dei singoli progetti; importo totale». È possibile utilizzare la stessa casella di posta elettronica (iai.infrastrutture@mise.gov.it) anche per chiedere chiarimenti al Mise.

Scarica il testo della circolare 1352/2014 del ministero dello Sviluppo Economico (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA